Passa ai contenuti principali

PUBBLICAZIONI PRINCIPALI


PSICOANALISI

- Lucattini A., Lupinacci M.A., "Soffrire il dolore: il bambino e l'analista". Pubblicato in: "Druppale-Duale. Il lavoro clinico in psicoanalisi con bambini, adolescenti e genitori" a cura di G. Corrente. Edizioni Scientifiche Magi, Roma. 2013. Pg.156-165. 

- Lupinacci M.A., Biondo D., Accetti L., Galeota 
M., Lucattini A.: “Il Dolore dell’analista. Il dolore psichico e metodo psiconalitico”. Astrolabio-Ubaldini, collana PSICHE E COSCIENZA, Roma, ottobre 2015.

- Lucattini A.: “Il lavoro analitico e la nascita di un’identità: dal cartone animato all’Io”.  Pubblicato negli atti del “III Convegno Nazionale sul lavoro analitico con i bambini e con gli adolescenti”. Caserta, 27/28 Novembre 2015. 

- Lucattini A.: "Oscillazioni dolore-piacere nel lavoro analitico e controtranfert".  Pubblicato negli Atti del XVIII Congresso SPI "Le logiche del piacere. L'ambiguità del dolore”. Roma 2016.  

- Lucattini A.: "From "wire" weawing of death, to colors fabric of life. Creativity, chance of a child in analysisis". Pubblicato negli Atti del Congresso "BION 2016. Emozioni trasformazioni e Vitalità psichica". Milano. 2016

  PSICHIATRIA

- Lucattini A., Saraceni C., Capizzi R., “Lichen Ruben Planus. Psychological Aspects”, dal “3rd International Congress of Dermatology and Psychiatry”,  Pubblicato negli Atti del Congresso. Florence. 1991

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Sviluppo adolescenziale e comportamenti sessuali I. Analisi della situazione attuale”, in Medicina e Morale, Milano, 1958, anno XLI, 2(1991), pp. 247-282.

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Sviluppo adolescenziale e comportamenti sessuali II. Proposte per l’educazione”, in Medicina e Morale, Milano 1958, anno XLII, 2(1992), pp. 257-277.

- Lucattini A.,et al, “Riflessioni sul viraggio da anoressia a bulimia durante il trattamento psicoterapico in tre casi di Anoressia Mentale”, da Internazional Congress of Eathings Disorders, Roma, 28-30 gennaio 1993.

- Lucattini A., et al, ” Identità femminile nell’Anoressia Mentale: osservazioni sul test di Rorschach”.

- Lucattini A., ”Il Congresso Nazionale dell’AISP (Associazione Italiana per lo Studio e la Prevenzione del suicidio) ”, Padova, 30 ottobre – 1 novembre 1992, in Medicina e Morale fasc. 6, 1992.

 - Lucattini A., Adolescenza tra disturbo psichico e malattia sociale”, in Proposta Educativa, n.1, 1993, pp. 63-71.

- S. Daini, A. Lucattini,et al., “Riflessioni sul viraggio da anoressia a bulimia durante il trattamento psicoterapico in tre casi di Anoressia Mentale”, da Internazional Congress of Eathings Disorders, Roma, 1993

 - Di Pietro M. L., Conte G., Lucattini A., Spagnolo A.G., “Alimentazione forzata per i pazienti con Anoressia Nervosa?”, in Medicina e Morale, Milano 1958, anno XLIII, 2 (1993), pp. 381-398.

- Orlandelli E., Lucattini A., et al., “Medicina generale e attenzione psichiatrica. L’ insegnamento dell’espressione clinica”, in Archivio di Neurologia e Psichiatria, fasc. 4, 1992.

- Orlandelli E., Lucattini A., et al, “Rettocolite ulcerosa ed aspetti psicodinamici”, in Archivio di Neurologia e Psichiatria, fasc. 4, 1992.

- Orlandelli E.,  Lucattini A., et al, “Rapporti tra fattori psicologici ed ipertensione arteriosa essenziale”, in Archivio di Neurologia e Psichiatria, fasc. 4, 1992.

- Orlandelli E., Lucattini A., et al, “Anoressia Mentale: un problema d’identità ”, in Archivio di Neurologia e Psichiatria, fasc. 4, 1992. 

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Limiti e rischi dell’uso della psicodramma nell’educazione sessuale”, in Scuola e Didattica.

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Condotte suicidarie e adolescenza nel dibattito attuale”, in Medicina e Morale, fasc. 4, 1994. 

- Lucattini A., Bonechi D., “Addiction and  Prymary Psychiatric Pathology: an integrated approach”; pubblicato negli atti del XV World Congress of Social Psychiatry, “Science and Humanism, Conflict and Complementarity”. Roma. 1995.

- Daini S., Lucattini A., et al, ”Note sulla relazione terapeutica nei contesti ospedaliero ed ambulatoriale in alcuni casi di Anoressia Mentale”, in Gnosis – Esperienze neuropsichiatriche, vol. I, Palermo, 1993, pp. 440-44.

- Daini S., Lucattini A., et al., “Il disegno della Famiglia nell’Adolescente Anoressica”, in Gnosis – Esperienze neuropsichiatriche, vol. I, Palermo, 1993, pp. 450-54. 

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Condotte suicidarie e adolescenza nel dibattito attuale”, in Medicina e Morale, Milano, 1958, anno XLIV, 4(1994), pp. 667-690.

- “Curare o prendersi cura? Spunti per una riflessione etica in psichiatria”, in Le radici della bioetica: atti del Congresso Internazionale, vol. 1, Roma.

- Bruschi G.V., Lucattini A., “Il disagio degli operatori psichiatrici nei cambiamenti istituzionali dal manicomio ai servizi territoriali odierni”, in Idee in Psichiatria, Vol. 1, N.1- suppl. 1 – Gennaio-aprile 2001.

- De Riu P., Lucattini A., “Gli aspetti medico-legali nella presa in carico della famiglia multiproblematica”, in Idee in Psichiatria, Vol.1, n.1- Gennaio-Aprile 2001. Pg 163-164.

- Lucattini A. in: Parabiaghi A. et al.: “The GiSAS study: Rationale and design of a pragmatic randomized controlled trial on aripiprazole, olanzapine and haloperidol in the long-term treatment of schizophrenia”. Contemporary Clinical Trials, Volume 32, Issue 5, September 2011, Pages 675–684

- Lucattini A., “Ripercussioni psicologiche della denuncia subita dal medico”, dal V Congresso Nazionale: “Dieci anni di A.M.A.M.I (Associazione Medici Accusati di Malpractice Ingiustamente)”. Pubblicato negli Atti del Congresso. Roma, 2012.

- Lucattini A., “Aspetti psicologici ed etici dell’Human Enhancement”, pubblicato negli Atti del 1° Convegno Nazionale Società Italiana di Medicina Potenziativa. Roma. 2015.

- Lucattini A. in: Parabiaghi A.et al.: “Metabolic syndrome and drug discontinuation in schizophrenia”. Acta Medica Scandinavica, 2015, 1-13

Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni.  In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla   Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech" ) è raccontata la storia del  Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e  in modo molto bello e chiaro, il   rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare . I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione , credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È

SEXTING E CYBER-SESSO. IL RISCHIO PER GLI ADOLESCENTI CORRE SULLA "RETE"

Stasko e Geller, ricercatrici dell'  American Psychological Association ,  hanno presentato i dati della loro ricerca da cui risulta che l’82% degli intervistati ha fatto  "sexting" almeno una volta nell’ultimo anno. Ma per gli adolescenti il rischio dipendenza è altissimo, con ricadute molto pericolose sul loro sviluppo psicofisico. COSA SONO IL “SEXING” E IL "CYBERSESSO" Si chiama “ sexting ” ed è un neologismo inglese, ormai adottato anche nella lingua italiana, che deriva dalla  fusione  delle parole “sex” (sesso)  e  “texting” (messaggiare/inviare sms) : significa  “inviare messaggi scritti o immagini con contenuti sessuali espliciti, attraverso  qualunque  dispositivo elettronico (devices)  ma principalmente col  telefonino” . Il “cibersesso” o  “ cybersesso ” , dall’ inglese: cybersex, definito anche  “sesso virtuale” , è un tipo di  attività sessuale, simulata o praticata,  a cui partecipano due o più persone collegate fra di loro  tra