Passa ai contenuti principali

PUBBLICAZIONI PRINCIPALI


PSICOANALISI

- Lucattini A., Lupinacci M.A., "Soffrire il dolore: il bambino e l'analista". Pubblicato in: "Druppale-Duale. Il lavoro clinico in psicoanalisi con bambini, adolescenti e genitori" a cura di G. Corrente. Edizioni Scientifiche Magi, Roma. 2013. Pg.156-165. 

- Lupinacci M.A., Biondo D., Accetti L., Galeota 
M., Lucattini A.: “Il Dolore dell’analista. Il dolore psichico e metodo psiconalitico”. Astrolabio-Ubaldini, collana PSICHE E COSCIENZA, Roma, ottobre 2015.

- Lucattini A.: “Il lavoro analitico e la nascita di un’identità: dal cartone animato all’Io”.  Pubblicato negli atti del “III Convegno Nazionale sul lavoro analitico con i bambini e con gli adolescenti”. Caserta, 27/28 Novembre 2015. 

- Lucattini A.: "Oscillazioni dolore-piacere nel lavoro analitico e controtranfert".  Pubblicato negli Atti del XVIII Congresso SPI "Le logiche del piacere. L'ambiguità del dolore”. Roma 2016.  

- Lucattini A.: "From "wire" weawing of death, to colors fabric of life. Creativity, chance of a child in analysisis". Pubblicato negli Atti del Congresso "BION 2016. Emozioni trasformazioni e Vitalità psichica". Milano. 2016

  PSICHIATRIA

- Lucattini A., Saraceni C., Capizzi R., “Lichen Ruben Planus. Psychological Aspects”, dal “3rd International Congress of Dermatology and Psychiatry”,  Pubblicato negli Atti del Congresso. Florence. 1991

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Sviluppo adolescenziale e comportamenti sessuali I. Analisi della situazione attuale”, in Medicina e Morale, Milano, 1958, anno XLI, 2(1991), pp. 247-282.

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Sviluppo adolescenziale e comportamenti sessuali II. Proposte per l’educazione”, in Medicina e Morale, Milano 1958, anno XLII, 2(1992), pp. 257-277.

- Lucattini A.,et al, “Riflessioni sul viraggio da anoressia a bulimia durante il trattamento psicoterapico in tre casi di Anoressia Mentale”, da Internazional Congress of Eathings Disorders, Roma, 28-30 gennaio 1993.

- Lucattini A., et al, ” Identità femminile nell’Anoressia Mentale: osservazioni sul test di Rorschach”.

- Lucattini A., ”Il Congresso Nazionale dell’AISP (Associazione Italiana per lo Studio e la Prevenzione del suicidio) ”, Padova, 30 ottobre – 1 novembre 1992, in Medicina e Morale fasc. 6, 1992.

 - Lucattini A., Adolescenza tra disturbo psichico e malattia sociale”, in Proposta Educativa, n.1, 1993, pp. 63-71.

- S. Daini, A. Lucattini,et al., “Riflessioni sul viraggio da anoressia a bulimia durante il trattamento psicoterapico in tre casi di Anoressia Mentale”, da Internazional Congress of Eathings Disorders, Roma, 1993

 - Di Pietro M. L., Conte G., Lucattini A., Spagnolo A.G., “Alimentazione forzata per i pazienti con Anoressia Nervosa?”, in Medicina e Morale, Milano 1958, anno XLIII, 2 (1993), pp. 381-398.

- Orlandelli E., Lucattini A., et al., “Medicina generale e attenzione psichiatrica. L’ insegnamento dell’espressione clinica”, in Archivio di Neurologia e Psichiatria, fasc. 4, 1992.

- Orlandelli E., Lucattini A., et al, “Rettocolite ulcerosa ed aspetti psicodinamici”, in Archivio di Neurologia e Psichiatria, fasc. 4, 1992.

- Orlandelli E.,  Lucattini A., et al, “Rapporti tra fattori psicologici ed ipertensione arteriosa essenziale”, in Archivio di Neurologia e Psichiatria, fasc. 4, 1992.

- Orlandelli E., Lucattini A., et al, “Anoressia Mentale: un problema d’identità ”, in Archivio di Neurologia e Psichiatria, fasc. 4, 1992. 

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Limiti e rischi dell’uso della psicodramma nell’educazione sessuale”, in Scuola e Didattica.

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Condotte suicidarie e adolescenza nel dibattito attuale”, in Medicina e Morale, fasc. 4, 1994. 

- Lucattini A., Bonechi D., “Addiction and  Prymary Psychiatric Pathology: an integrated approach”; pubblicato negli atti del XV World Congress of Social Psychiatry, “Science and Humanism, Conflict and Complementarity”. Roma. 1995.

- Daini S., Lucattini A., et al, ”Note sulla relazione terapeutica nei contesti ospedaliero ed ambulatoriale in alcuni casi di Anoressia Mentale”, in Gnosis – Esperienze neuropsichiatriche, vol. I, Palermo, 1993, pp. 440-44.

- Daini S., Lucattini A., et al., “Il disegno della Famiglia nell’Adolescente Anoressica”, in Gnosis – Esperienze neuropsichiatriche, vol. I, Palermo, 1993, pp. 450-54. 

- Di Pietro M.L., Lucattini A., “Condotte suicidarie e adolescenza nel dibattito attuale”, in Medicina e Morale, Milano, 1958, anno XLIV, 4(1994), pp. 667-690.

- “Curare o prendersi cura? Spunti per una riflessione etica in psichiatria”, in Le radici della bioetica: atti del Congresso Internazionale, vol. 1, Roma.

- Bruschi G.V., Lucattini A., “Il disagio degli operatori psichiatrici nei cambiamenti istituzionali dal manicomio ai servizi territoriali odierni”, in Idee in Psichiatria, Vol. 1, N.1- suppl. 1 – Gennaio-aprile 2001.

- De Riu P., Lucattini A., “Gli aspetti medico-legali nella presa in carico della famiglia multiproblematica”, in Idee in Psichiatria, Vol.1, n.1- Gennaio-Aprile 2001. Pg 163-164.

- Lucattini A. in: Parabiaghi A. et al.: “The GiSAS study: Rationale and design of a pragmatic randomized controlled trial on aripiprazole, olanzapine and haloperidol in the long-term treatment of schizophrenia”. Contemporary Clinical Trials, Volume 32, Issue 5, September 2011, Pages 675–684

- Lucattini A., “Ripercussioni psicologiche della denuncia subita dal medico”, dal V Congresso Nazionale: “Dieci anni di A.M.A.M.I (Associazione Medici Accusati di Malpractice Ingiustamente)”. Pubblicato negli Atti del Congresso. Roma, 2012.

- Lucattini A., “Aspetti psicologici ed etici dell’Human Enhancement”, pubblicato negli Atti del 1° Convegno Nazionale Società Italiana di Medicina Potenziativa. Roma. 2015.

- Lucattini A. in: Parabiaghi A.et al.: “Metabolic syndrome and drug discontinuation in schizophrenia”. Acta Medica Scandinavica, 2015, 1-13

Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!

Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.
Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione
Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi. Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza. E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.
Senza ripo…