Passa ai contenuti principali

L'INSIDIA NASCOSTA NELLO SPORT: LA DIPENDENZA DA FITNESS

                                   Risultati immagini per la pensee fiore
Dieci minuti al giorno di attività fisica regolare migliorano l'umore, riducono il rischio di
depressione, abbassano i livelli d'ansia, scaricano la rabbia e alleviano i dolori fisici.
Facendoci sentire anche più soddisfatti e sicuri.
L'attività fisica può essere un momento di piacevole condivisione tra genitori e figli adolescenti, correre, andare in bicicletta o in palestra, giocare a calcio, basket, fare rampicate o trekking.
Purché sia adatto al'età, proporzionato nei tempi e un piacere.

Quando però il fitness diventa un pensiero costante e piano piano invade tutti gli spazi e i tempi della vita, allora si parla di "dipendenza da esercizio fisico" in cui lo sport prende il sopravvento diventando "la priorità" rispetto a tutti gli altri momenti della vita. 
Ecco quali sono gli indicatori per capire se si è superato il limite, quali sono i motivi alla base di questo disturbo e cosa fare per tornare alla normalità senza privarsi dello sport.


IL GIUSTO ESERCIZIO FISICO QUOTIDIANO

L'esercizio fisico quotidiano moderato fa bene, dieci minuti al giorno di attività regolare 
1-migliorano l'umore 
2-riducono il rischio di depressione 
3-abbassano i livelli d'ansia
4-scaricano la rabbia
5-alleviano i dolori fisici
6-aiutano a controllare il livello del colesterolo nel sangue
7-proteggono il cuore
8-contribuiscono a sentirsi meglio  
9- aiutano a invecchiare bene 


FONTE DI GRANDE GRATIFICAZIONE

L'attività fisica sposta anche i traguardi da raggiungere, piccoli o grandi che siano, con grandi soddisfazioni personali: 

1- fa sentire più forza fisica e resistenza
2- rende più soddisfatti e sicuri
3- permette di entrare meglio nei vestiti 


QUANDO SI SUPERA IL LIMITE

Quando l'allenamento si trasforma in dipendenza, ha delle avvisaglie precise:

1- Il raggiungimento degli obiettivi di allenamento o dei risultati fisici inizia a diventare un
    pensiero costante
2- il pensiero dell' attività fisica prende il sopravvento su tutte le altre attività 
3- si allungano i tempi in palestra o della corsa o della bicicletta o del nuoto
4- diventa sempre più difficile prendersi un giorno di riposo
5- la mente comincia a essere costantemente impegnata nel programmare l’allenamento
    successivo 
6- l'interesse in ambito lavorativo, familiare, amicale diminuisce. 

Si vive in funzione della palestra o dell'allenamento.

Compaiono allora sintomi fisici:

1- il sonno diventa disturbato
2- i momenti di tranquillità sono sempre più brevi
3- le necessità del proprio corpo anche quando affetto da tendiniti e/o sovraccarico
    muscolare, vengono sempre più ignorate.


LO STUDIO DELLA "UNIVERSITY OF SOUTHERN DENMARK"

Un recente studio della “University of Southern Denmark” di Odense (Danimarca) ha evidenziato che la dipendenza dall'esercizio fisico è caratterizzata da una crescente attività durante la giornata e poi durante la settimana in cui lo sport prende il sopravvento e diventa prioritario su tutti gli altri settori della vita. 

Si tratta soprattutto di sport individuali, generalmente prevalgono la corsa e le attività di palestra, come il sollevamento pesi, ma anche di sport di squadra come il calcio.
Lo studio è stato condotto su 274 uomini tra i 16 e i 39 anni (98 giocatori di calcio e 176 praticanti fitness). 
Le differenze maggiori sono legate al tipo di sport praticato.
Mentre in quelli individuali gli studiosi parlano di una vera e propria dipendenza, nel calcio "apparentemente" non lo è se la motivazione all'esercizio fisico è accompagnata al piacere di giocare in squadra, alla competizione e all'agonismo.

Nelle attività individuali, invece, come motivazioni prevalgono l’interesse per la forma fisica, l’attenzione al peso e le idee legate al mantenimento di un buono stato di salute.


GLI INDICATORI DI UNA DIPENDENZA DA ATTIVITÀ FISICA 

1- Superare il limite pianificato regolarmente in termini di tempo e di fatica senza riuscire a controllarlo.
2.-Non prendersi sufficienti periodi di riposo, cura o recupero in caso di tendiniti, danni da sovraccarico o traumi.
3- Provare senso di colpa quando non ci si allena.
4- Aumentare progressivamente la frequenza e la durata degli esercizi giorno dopo giorno.
5- Sviluppare una “tolleranza”, ovvero avere bisogno di sempre maggiore attività per sentire i primi benefici, come accade nelle dipendenze vere e proprie (da sostanze, gioco d’azzado, videogiochi, alcol).
6- Sintomi d'astinenza con agitazione, stanchezza e tensione quando non ci si allena.
7- Overdose ovvero esercitarsi più del previsto anche in presenza di malesseri e dolori fisici da sovraccarico.
8- Perdita del controllo con difficoltà a valutare la giusta durata e l'intensità dell'esercizio fisico.
9- Dipendenza psichica. Dedicare allo sport, sia di giorno che di notte, una quantità di tempo tale da farlo interferire con tutte le altre attività.
10- Ridurre tutti gli impegni sociali che non siano correlati all'attività fisica: cambiare i progetti (comprese le vacanze), entrare in ritardo o uscire in anticipo dal lavoro, dall’università, da scuola.
11- Avere un'alimentazione finalizzata esclusivamente all'allenamento, con uso di integratori e talvolta farmaci senza il controllo medico, all'insegna di un pericoloso fai-da-te.
12- L’esercizio fisico diventa così invadente nella mente e nella vita quotidiana da portare a perdere gli amici, a rinunciare alle attività sociali, a declinare opportunità di lavoro se queste interferiscono con il programma di allenamento.


UNA DIPENDENZA PATOLOGICA

L'ultima revisione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali dell’American Psychiatric Association, il “DSM-5”, la classifica tra le dipendenze patologiche.


COME RIMEDIARE

In questi casi è importante rivolgersi a professionisti, psichiatri e psicoanalisti, che con la psicoterapia e se necessario con i farmaci, possono aiutare a rendere il rapporto con l'attività fisica meno rigido, il pensiero più flessibile e a quindi ad armonizzare il fitness con la vita quotidiana.


LAVORARE SULLE RAGIONI PROFONDE

Molto spesso l'eccesso di attività fisica è causato da insicurezze profonde e dal senso di controllo che la padronanza del proprio corpo dà anche a livello psicologico. La palestra diventa un sostitutivo di relazioni affettive, i risultati ottenuti a prezzo di tanta fatica infondono fiducia in se stessi, rassicurano rispetto alle proprie capacità e qualità, fanno sentire al centro della propria e dell'altrui attenzione, capaci di suscitare ammirazione, invidia, imitazione.


MENS SANA IN CORPORE SANO

Questi bisogni e aspirazioni, se spostati sul corpo, impediscono di raggiungere gli obiettivi desiderati a livello psicologico e interiore. Saper chiedere aiuto in tempo è la chiave per raggiungere il traguardo di storica saggezza “mens sana in corpore sano”.


Adelia Lucattini


Vai alla fonte
Articolo di Adelia Lucatini
"La dipendenza da fitness: come riconoscerla e uscirne"
Pubblicata su D-Repubblica - Beauty - Sport

SIPSIeS.ORG

Post popolari in questo blog

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

LEGGETE AI BAMBINI! SARANNO PIÙ INTELLIGENTI

Molti scrittori e ricercatori in ambito letterario parlano di “poetica della lettura” sottolineando quanto il leggere e quello che si legge, faccia “la differenza” nella vita delle persone, sia da bambini che da adolescenti che da adulti.
Recenti studi scientifici di neuro-psicobiologia, hanno evidenziato un benefico della lettura nella prevenzione il decadimento delle capacità cognitive negli anziani e in una certa misura sull’invecchiamento del cervello. A livello psicologico, indubbiamente la lettura aumenta la capacità di attenzione e concentrazione, rilassa, distrae, appassiona e migliora la vita, rendendo più felici. Ma in che modo la lettura influenza il cervello? Sarà proprio vero, come azzardano alcuni ricercatori, scienziati e letterati, che “un libro al giorno leva l’Alzheimer di torno?” E quanti lettori sono consapevoli o hanno mai pensato di aver usato libri per aumentare il loro Quoziente Intellettivo (QI)? E, nel complesso, la lettura rende davvero più intelligenti?
Riferendo…