Passa ai contenuti principali

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!


Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.

Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione

Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi.
 Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza.
E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.

Senza riposo i neuroni si spengono

Su “Nature”, il prof. Vyazovskiy spiega appunto la ricerca effettuata: “Tutti sappiamo che la mancanza di sonno provoca una mancanza di lucidità fisica e mentale e porta a compiere errori, anche grossolani. Ci siamo allora chiesti se lo stesso meccanismo fosse alla base degli errori di distrazione anche quando non percepiamo una stanchezza particolarmente intensa. Abbiamo scoperto che anche una lieve mancanza di sonno esercita un’azione diretta sulle cellule del cervello.
In pratica se non si fa il pieno di riposo, alcune cellule cerebrali si spengono, ma non ci addormentiamo perché questo spegnimento non è generalizzato come durante il sonno vero e proprio.
È un’interruzione di attività frammentaria e disorganizzata. Inoltre, riguarda piccoli gruppi di cellule, quindi insiemi troppo limitati per essere individuati mediante gli esami medici che servono a verificare l’efficienza dell’attività cerebrale, come l’Elettro Encefalo Gramma.


La distrazione è invisibile alla TAC!

Se questo spegnimento delle cellule cerebrali è invisibile alle apparecchiature mediche, come influenza il comportamento delle persone fino a indurle a commettere errori di distrazione?
Questo accade perché le cellule del cervello non funzionano in maniera ordinata; il messaggio del cervello parte verso i muscoli per fare seguire le azioni può essere confuso o incompleto.
È come se in un’orchestra sinfonica, a un certo punto, alcuni musicisti iniziassero a scioperare, anziché eseguire la partitura assegnata. L’esecuzione non è completa e la melodia finale risulta sbagliata, alterata. Allo stesso modo, con le cellule cerebrali spente, il messaggio che parte dal cervello non è ben strutturato e si ha un corto circuito del comportamento”.


Le conseguenze della stanchezza

Dal momento che non è possibile rilevare questo fenomeno con esami medici, l’equipe del prof. Vladislav Vyazovskiy ha potuto accertare questo fenomeno attraverso esperimenti sui murini. In particolare, il prof. Vyazovskiy spiega “Dopo aver impiantato nel loro cervello degli elettrodi, cioè dei sensori molto sofisticati in grado di verificare con precisione la quantità e la qualità dell’attività cerebrale, li abbiamo sottoposti ad una privazione di sonno. Abbiamo così dimostrato che i loro errori erano dovuti alle “interruzioni” del funzionamento delle cellule cerebrali e che essi avvenivano mentre erano svegli".

Quello che vale per i murini vale anche per noi esseri umani; secondo Vyazovskiy non ci sono differenze sostanziali: “Uomini e animali per quanto riguarda i cosiddetti bisogni primari come mangiare, bere, dormire sono molto simili, al punto che la dimostrazione sui murini può essere considerata sufficiente anche per spiegare i meccanismi della mente umana. Poiché essa è ancora più complessa, ha maggiori probabilità di incorrere in errori”.


Gli errori di distrazione non c’entrano con la “pigrizia”

Gli errori di distrazione debbono dunque essere interpretati in maniera molto differente rispetto a quanto si è fatto finora: le persone distratte sono spesso accusate di avere la testa tra le nuvole, di pensare ad altro, di non essere in grado di impegnarsi a causa di superficialità o addirittura pigrizia.

Quando le persone sono stanche e quindi distratte, dovrebbero imparare a considerare gli errori come una prima richiesta da parte della mente di maggiore attenzione e di riposo notturno, indispensabile per la salute fisica e psichica.


Parlare con uno psicoanalista aiuta a capire e cambiare abitudini

Quando si avvertono questi primi sintomi da distrazione è importante rivolgersi ad uno ad uno psicoanalista. Per chi si chiedesse come funziona la psicoanalisi possiamo dire che aiuta a chiarire, spiegare, far sentire capiti nel profondo anche nelle cose che apparentemente "non hanno spiegazione", trovare quella spiegazione insieme all'analista, quindi dare un nome, un significato e un senso.

Quando le cose hanno un senso vero, allora sono sopportabili, accettabili e si possono affrontare. L'analisi aiuta ad avere maggior fiducia in sé stessi, a prendersi cura di sé, a conoscere i propri limiti, a fermarsi in tempo, a raccogliere le energie e ad usarle con equilibri, a diventare più forti conoscendo la propria mente e se stessi, affrontare la vita con maggior coraggio.


Adelia Lucattini


Articolo di Adelia Lucattini
"Sei distratto? La tua mente è stanca. Lo dice la scienza"
Su Medicitalia - News/Blog Medici

Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

STUDIARE MUSICA RENDE PIÙ "INTELLIGENTI"? TUTTA LA VERITÀ

Gli studenti delle scuole superiori che seguono corsi di musica ottengono risultati significativamente migliori in matematica, scienze e inglese rispetto ai loro compagni che non studiano la musica.


Erroneamente ancora persiste la convinzione che gli studenti che dedicano tempo alla musica piuttosto che alla matematica, alla scienza e all'inglese, avranno prestazioni e risultati scolastiche inferiori, recenti studi scientifici invece dimostrano proprio il contrario.

Le ricerche
La ricerca condotta daPeter Gouzouasis e dal suo gruppo dell’University of British Columbia ha dimostrato che questa convinzione è sbagliata e ha scoperto che più gli studenti si impegnano con la musica, vanno meglio in matematica, scienze e inglese. Gli studenti che hanno imparato a suonare uno strumento musicale alle elementari e hanno continuato a suonare alle scuole superiori non solo hanno ottenuto voti significativamente più alti, ma alla distanza sono risultati in media circa un anno accademico avanti ri…