Passa ai contenuti principali

CHE COS'È VERAMENTE LA "PANDEMIC FATIGUE?"

La "pandemic fatigue" è la stanchezza fisica e mentale dovuta allo stress da pandemia di Covid-19, che è così forte da sfinire e immobilizzare. L'assenza di energia. La pandemia ha toccato tutti e in un momento in cui ci viene chiesto di rinnovare attenzioni e cautele, senza certezze sulla fine di tutto questo, ecco che arriva un po' di apatia e demotivazione. Che è secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità è "una risposta prevedibile e naturale a uno stato di crisi prolungata della salute pubblica, soprattutto perché la gravità e la dimensione dell’epidemia da Covid-19 hanno richiesto un’implementazione di misure invasive con un impatto senza precedenti nel quotidiano di tutti" compreso di chi non è stato direttamente toccato dal virus. Con il rischio della perdita di fiducia nelle misure anti-Covid-19.I governi dovrebbero sforzarsi di comprendere di più i cittadini, per evitare di generare rabbia e frustrazione. E poi adottare misure semplici ma incisive, che permettano di vivere in sicurezza la propria vita. È una risposta psicofisica naturale e anche prevista nelle situazioni di crisi prolungata che coinvolga i singoli individui e la salute pubblica.

Che cos'è esattamente?

"E' una reazione a eventi eccezionali prolungati. Una reazione psicofisica ad uno stress duraturo, con sintomi psicologici di stanchezza, disillusione e sintomi fisici correlati allo stress prolungato. I fattori in gioco sono molti, innanzitutto il fatto che la pandemia da Covid-19 è nuova e ci ha colto impreparati. L'ultima pandemia è stata la spagnola, dal 1918 al 1920. I sopravvissuti sono ormai pochi e molto anziani, non in grado comunicare la loro esperienza all'interno dei nuclei familiari. Inoltre la gravità e l'entità della pandemia da Covid-19 hanno richiesto misure 'invasive', con un impatto senza precedenti sulla vita quotidiana di tutti, compreso di chi non si è ammalato: distanziamento fisico, mascherine per tutto il giorno, limitazione dei contatti tra familiari, stravolgimenti delle modalità scolastiche, sul posto di lavoro e avvio dello smart working in modo diffuso".

Da che cosa la riconosciamo?

È un tipo di fatica molto particolare, una stanchezza mentale con perdita di forza psichica e ha un nome preciso: "anergia" ovvero quella sensazione in cui si desidera fare una cosa ma poi non la si fa, non per un impedimento fisico ma perché mentalmente faticosa e quindi si rinuncia. Questa forma di stanchezza è insidiosa poiché all'inizio non è facilmente riconoscibile. Uno dei segnali è l'insofferenza verso le regole per contrastare l'epidemia e contenere il diffondersi del Covid-19. È chiaro che le regole rendono la vita di tutti i giorni più complicata e faticosa, meno piacevole, ma non rispettarle implica la possibilità d'infettarsi. All'inizio c'è stata una risposta molto vivace nell'accettare le restrizioni, per il pensiero costante della malattia, della morte e della perdita. Con il tempo può diventare insostenibile, a meno che ci si senta all'interno di un progetto personale, familiare e collettivo, partecipi dell'impresa di salvare se stessi e aiutare gli altri. Un altro elemento critico è la mancanza di un orizzonte temporale certo. L'incertezza richiede molte forze per poter essere sopportata, mina la sicurezza personale.

 Chi è più esposto?

Può colpire chiunque, a qualunque età. Naturalmente ci sono persone che la sviluppano prima, alcune che reagiscono di meno e altre che recuperano più rapidamente. I più esposti sono gli operatori sanitari che vanno incontro a fenomeni più specifici, come errori da burn-out, perché non hanno sufficienti tempi di recupero per smaltire lo stress lavorativo. Gli adulti possono sviluppare una forma di 'negazionismo difensivo' per riuscire a sostenere le angosce provocate dal pericolo di infettarsi e dallo stress quotidiano del dover far rispettare le misure di prevenzione anche in famiglia, a scuola, sul posto di lavoro. Gli adolescenti passano da un'adesione meticolosa alle regole fino all'auto-lockdown, al superamento delle angosce attraverso la ribellione e la trasgressione. Per i bambini invece un clima familiare e la capacità dei genitori di rassicurarli gioca un ruolo fondamentale. Possono risentire di uno stress prolungato soltanto se c'è incertezza: i bambini sono abitudinari, le regole, le abitudini, i punti fermi servono a contenere le loro emozioni e a favorire o sviluppo mentale.

Colpisce le singole persone o è un fenomeno generale?

La fatica da pandemia è una dimensione individuale, ma le persone non sono monadi, vivono in comunità, sono attratte dalla socializzazione, grazie al gruppo possono sperimentare un senso di appartenenza e soddisfare parte dei propri bisogni materiali e psicologici. Nei gruppi gli individui sperimentano due tipi di stati mentali, uno cosciente razionale e l'altro inconscio e pulsionale. Chi appartiene a un gruppo, in seguito ad una regressione inconscia, rinuncia a qualcosa di se stesso. Stanchezza, incapacità di eseguire le prescrizioni richieste, paure e preoccupazioni del singolo possono essere riversate e condivise in un gruppo che, se ben funzionante, permette di alleggerirsi, di rafforzarsi l'un l'altro, di darsi appoggio e forza psichica. Se invece il gruppo funziona con meccanismi di difesa inconsci (si chiamano "assunti di base") volti a tenere sotto controllo angosce primitive, allora l'inconscio del gruppo può spingere gli individui a comportamenti contrari alle idee razionali.

 Che cose si può fare per reagire alla stanchezza?

L'OMS ha fornito una serie di indicazioni per favorire l'adesione della popolazione alle richieste delle autorità sanitarie dei rispettivi governi. La prima è comprendere le persone, il loro profondo disagio e direi anche lo smarrimento, un senso di paralisi di fronte ad un pericolo sconosciuto e invisibile. Un'altra indicazione è consentire la vita normale riducendo il rischio, attraverso poche regole chiare, spiegando perché sono necessarie e mostrandone l'efficacia. E poi c'è il fattore fiducia: è importante infondere fiducia sulla possibilità di farcela e tirare tutti in campo come parte della soluzione, come protagonisti. Sarebbero inoltre molto utili gruppi di ascolto e interventi psicologici diffusi".

Cosa possiamo fare nella vita quotidiana?

Per non soccombere alla stanchezza è indispensabile avere un orizzonte temporale, se si ha un tempo definito è possibile trovare risorse in se stessi per affrontare il quotidiano e pensarsi in un futuro prossimo. La mente per ben funzionare ha bisogno di muoversi entro confini spaziali e temporali definiti. Delimitare permette di contenere l'ansia, contrastare lo scivolamento depressivo, trovare un tempo per le pause, rimettersi in forze. Ma per concedersi delle pause occorre sapere per quanto tempo ci è richiesto un sacrificio. Nel quotidiano è importante darsi obiettivi a brevissimo termine, concedersi gratificazioni che possano compensare i sacrifici. Come scriveva Goethe: "Si dovrebbe almeno ogni giorno ascoltare qualche canzone, leggere una bella poesia, vedere un bel quadro e, se possibile, dire qualche parola ragionevole2.

 Stare con gli altri aiuta, come si può fare in questo periodo di distanziamento fisico?

La socialità ha molte forme. In questo periodo abbiamo dei limiti nel vedere gli amici, vivere la propria affettività attraverso abbracci, baci, strette di mano, stare vicini l'uno all'altro. La socialità non è facilmente sostituibile con quella on-line, anche se per i giovani nativi digitali la dimensione virtuale fa parte di un modo di vivere insieme agli altri e in gruppo. Il virtuale comunque non potrà mai sostituire il reale poiché manca la sensorialità, il calore, gli odori, il tatto.


Adelia Lucattini



Vai alla Fonte

"Pandemic fatigue, come reagire alla tristezza da Covid"

 Di Silvia Lucchelli

 Su La Repubblica - Salute



Fonte Foto

Reportage Online

Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni.  In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla   Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech" ) è raccontata la storia del  Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e  in modo molto bello e chiaro, il   rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare . I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione , credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È

TEMPI DI CORONAVIRUS: I BAMBINI AMANO STARE A CASA!

Siamo tutti immersi e partecipi della più grande campagna di prevenzione mai messa in atto. Tutti a casa per non ammalarsi, per proteggere se stessi e i propri cari e per non infettarsi a vicenda. Perché prevenire è meglio che curare. Qualche sacrificio? Ne vale assolutamente la pena. Una buona notizia? Sta funzionando. Un'altra buona notizia?  Ai bambini piace stare a casa! I BAMBINI SONO COME GATTINI: AMANO LA LORO CASA I bambini fino agli 8-9 anni stanno bene a casa. La casa con i loro giochi, le loro camerette,  i loro spazi. Sono i veri "padroni di casa". Per loro la casa è un rifugio e un luogo sicuro, è il loro nido. In questo periodo di isolamento la casa è ancora di più l'unico posto in cui si sentono al riparo dai pericoli, in salvo, lontani da ogni minaccia grazie soprattutto alla presenza di mamma e/o di papà. SONO TEMPI ECCEZIONALI I bambini non hanno una percezione del tempo chiara e definita come gli adulti. Anche se le loro g