Passa ai contenuti principali

BAMBINI DELLA "WEB-NET-TOUCH GENERATION". E GLI ADULTI? I "NOCCHIERI" DELLA NAVE GIÀ SALPATA!

Risultati immagini per pensee immaginiRisultati immagini per kids with mobile


La "net-generation" è il nome con cui i sociologi definiscono l'ultima generazione di bambini e ragazzi "nativi digitali", cioè nati e cresciuti con telefonino, tablet, computer e internet, e saranno la futura classe dirigente e lavoratrice dei paesi industrializzati e dei paesi "emergenti" in rapido sviluppo e veloce espansione.

Sempre nuovi nomi vengono cercati per definire questa generazione, come se si sentisse il bisogno di trovare sempre nuove "classificazioni" che permettano di comprendere meglio i cambiamenti rapidissimi   che si associano ai nuovi strumenti tecnologici e al modo in cui si usano.

Già si parla di "touch generation", bambini nati con i dispositivi touch-screen che danno per scontato internet e tecnologie touch che per i genitori sono...avanzatissime!

Ma qual'è il ruolo degli adulti, genitori, nonni, insegnanti, educatori rispetto all'impatto che questi cambiamenti hanno su bambini e adolescenti?

Innanzitutto è necessario precisare che bambini e adolescenti sono nati con la tecnologia, per loro i "device" sono giochi come gli altri, stanno nel paniere con le costruzioni, le bambole, le macchinine, gli orsacchiotti, e tanti altri giochi che da sempre sono a loro disposizione, secondo le possibilità economiche delle famiglie e secondo le scelte educative dei genitori a anche secondo i gusti del bambino e dell'adolescente.

Il ruolo degli adulti è quello di veicolare il significato o offrire un significato a quello che questi oggetti, questi nuovi giocattoli, rappresentano e trasformarli in uno strumento educativo per portare conoscenza, esperienza e sapere utilizzando semplicemente in un modo diverso.

Un altro aspetto importante è che tutta la tecnologia che i nostri bambini si trovano a utilizzare usufruendone fin da piccoli, è pensata, programmata, prodotta e commercializzata da adulti che ne conoscono perfettamente il significato, le potenzialità e l'utilizzo.

Adulti che vengono da una realtà diversa dalle famiglie poiché hanno inventato e programmato i computer e la rete, e che tuttora ne tengono le redini.

I bambini e i ragazzi della "Net e touch generation" non sono responsabili dell'uso che fanno dei mezzi che sono messi a loro disposizione.

È come dire che regalando una pistola giocattolo ad un bambino senza spiegargli come funziona e che i piombini di plastica possono essere pericolosi e far male, sia corretto punirlo severamente perché ha colpito un compagno troppo da vicino o si è ferito.

Un gioco piacevole e innocuo se saputo usare può essere pericolosissimo se dato incautamente e senza sorveglianza, in mani esperte.

Esopo che era solito scrivere una morale nelle sue "favole" , che cosa direbbe in quest'occasione?


Attenzione a lasciare da soli i nostri figli con degli oggetti pensati, prodotti e commercializzati per loro da adulti che non si preoccupano dell'utilizzo che ne viene fatto.

È dunque compito dei genitori e degli educatori che accompagnano bambini e ragazzi nella crescita addestrarli a un utilizzo positivo dei mezzi, accompagnarli nella progressiva confidenza dei vari significati e modi di impiego di questi strumenti, e infine proteggerli dai pericoli ormai ben conosciuti che si nascondono all’interno di internet, e rispetto ai quali sono necessarie continue attenzioni e sorveglianza.


Adelia Lucattini


Leggi l'articolo originale della giornalista e scrittrice Sara Ficocelli:
"Giovani affamati di tecnologia: che ruolo hanno i genitori?"
su Il Tirreno.it - Benessere & Salute







Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!

Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.
Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione
Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi. Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza. E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.
Senza ripo…