Passa ai contenuti principali

BAMBINI DELLA "WEB-NET-TOUCH GENERATION". E GLI ADULTI? I "NOCCHIERI" DELLA NAVE GIÀ SALPATA!

Risultati immagini per pensee immaginiRisultati immagini per kids with mobile


La "net-generation" è il nome con cui i sociologi definiscono l'ultima generazione di bambini e ragazzi "nativi digitali", cioè nati e cresciuti con telefonino, tablet, computer e internet, e saranno la futura classe dirigente e lavoratrice dei paesi industrializzati e dei paesi "emergenti" in rapido sviluppo e veloce espansione.

Sempre nuovi nomi vengono cercati per definire questa generazione, come se si sentisse il bisogno di trovare sempre nuove "classificazioni" che permettano di comprendere meglio i cambiamenti rapidissimi   che si associano ai nuovi strumenti tecnologici e al modo in cui si usano.

Già si parla di "touch generation", bambini nati con i dispositivi touch-screen che danno per scontato internet e tecnologie touch che per i genitori sono...avanzatissime!

Ma qual'è il ruolo degli adulti, genitori, nonni, insegnanti, educatori rispetto all'impatto che questi cambiamenti hanno su bambini e adolescenti?

Innanzitutto è necessario precisare che bambini e adolescenti sono nati con la tecnologia, per loro i "device" sono giochi come gli altri, stanno nel paniere con le costruzioni, le bambole, le macchinine, gli orsacchiotti, e tanti altri giochi che da sempre sono a loro disposizione, secondo le possibilità economiche delle famiglie e secondo le scelte educative dei genitori a anche secondo i gusti del bambino e dell'adolescente.

Il ruolo degli adulti è quello di veicolare il significato o offrire un significato a quello che questi oggetti, questi nuovi giocattoli, rappresentano e trasformarli in uno strumento educativo per portare conoscenza, esperienza e sapere utilizzando semplicemente in un modo diverso.

Un altro aspetto importante è che tutta la tecnologia che i nostri bambini si trovano a utilizzare usufruendone fin da piccoli, è pensata, programmata, prodotta e commercializzata da adulti che ne conoscono perfettamente il significato, le potenzialità e l'utilizzo.

Adulti che vengono da una realtà diversa dalle famiglie poiché hanno inventato e programmato i computer e la rete, e che tuttora ne tengono le redini.

I bambini e i ragazzi della "Net e touch generation" non sono responsabili dell'uso che fanno dei mezzi che sono messi a loro disposizione.

È come dire che regalando una pistola giocattolo ad un bambino senza spiegargli come funziona e che i piombini di plastica possono essere pericolosi e far male, sia corretto punirlo severamente perché ha colpito un compagno troppo da vicino o si è ferito.

Un gioco piacevole e innocuo se saputo usare può essere pericolosissimo se dato incautamente e senza sorveglianza, in mani esperte.

Esopo che era solito scrivere una morale nelle sue "favole" , che cosa direbbe in quest'occasione?


Attenzione a lasciare da soli i nostri figli con degli oggetti pensati, prodotti e commercializzati per loro da adulti che non si preoccupano dell'utilizzo che ne viene fatto.

È dunque compito dei genitori e degli educatori che accompagnano bambini e ragazzi nella crescita addestrarli a un utilizzo positivo dei mezzi, accompagnarli nella progressiva confidenza dei vari significati e modi di impiego di questi strumenti, e infine proteggerli dai pericoli ormai ben conosciuti che si nascondono all’interno di internet, e rispetto ai quali sono necessarie continue attenzioni e sorveglianza.


Adelia Lucattini


Leggi l'articolo originale della giornalista e scrittrice Sara Ficocelli:
"Giovani affamati di tecnologia: che ruolo hanno i genitori?"
su Il Tirreno.it - Benessere & Salute







Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

SEXTING E CYBER-SESSO. IL RISCHIO PER GLI ADOLESCENTI CORRE SULLA "RETE"

Stasko e Geller, ricercatrici dell'  American Psychological Association ,  hanno presentato i dati della loro ricerca da cui risulta che l’82% degli intervistati ha fatto  "sexting" almeno una volta nell’ultimo anno. Ma per gli adolescenti il rischio dipendenza è altissimo, con ricadute molto pericolose sul loro sviluppo psicofisico. COSA SONO IL “SEXING” E IL "CYBERSESSO" Si chiama “ sexting ” ed è un neologismo inglese, ormai adottato anche nella lingua italiana, che deriva dalla  fusione  delle parole “sex” (sesso)  e  “texting” (messaggiare/inviare sms) : significa  “inviare messaggi scritti o immagini con contenuti sessuali espliciti, attraverso  qualunque  dispositivo elettronico (devices)  ma principalmente col  telefonino” . Il “cibersesso” o  “ cybersesso ” , dall’ inglese: cybersex, definito anche  “sesso virtuale” , è un tipo di  attività sessuale, simulata o praticata,  a cui partecipano due o più persone collegate fra di loro  tra

CHE COS'È VERAMENTE LA "PANDEMIC FATIGUE?"

La "pandemic fatigue" è la stanchezza fisica e mentale dovuta allo stress da pandemia di Covid-19, che è così forte da sfinire e immobilizzare. L'assenza di energia. La pandemia ha toccato tutti e in un momento in cui ci viene chiesto di rinnovare attenzioni e cautele, senza certezze sulla fine di tutto questo, ecco che arriva un po' di apatia e demotivazione. Che è secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità è "una risposta prevedibile e naturale a uno stato di crisi prolungata della salute pubblica, soprattutto perché la gravità e la dimensione dell’epidemia da Covid-19 hanno richiesto un’implementazione di misure invasive con un impatto senza precedenti nel quotidiano di tutti" compreso di chi non è stato direttamente toccato dal virus. Con il rischio della perdita di fiducia nelle misure anti-Covid-19.I governi dovrebbero sforzarsi di comprendere di più i cittadini, per evitare di generare rabbia e frustrazione. E poi adottare misure semplici ma i