Passa ai contenuti principali

GENITORI E SCUOLA. COME SI ATTIVANO B.E.S. QUANDO I FIGLI HANNO MALATTIE FISICHE?







CHE COSA SONO I B.E.S. SECONDO LA LEGGE 170 DEL 2010?


Per Bisogni Educativi Speciali non s'intendono le caratteristiche individuali di tutti i bambini e ragazzi per cui ognuno ha le sue peculiarità, specificità, carattere, etc., bensì Bisogni Educativi particolari legati a patologie o disturbi specifici transitori o cronici: psicologici (disturbo post-traumatico da stress, depressione, ansia, etc.), neuromotorie, respiratori (asma), gastrointestinali (celiachia), ecc.


I B.E.S. PER I D.S.A. ORMAI SONO A REGIME MA PER LE MALATTIE FISICHE?

La Legge 170/2010 per i Bisogni Educativi Speciali è ormai andata a regime in tutte le scuole, soprattutto per i Disturbi Specifici dell'Apprendimento (dislessia, disgrafia, disortografia, etc.).

La legge in realtà è più ampia e comprende anche patologie fisiche e psicologiche (ansia, depressione, attacchi di panico)

Bambini ma anche adolescenti che siano affetti da malattie sistemiche, soprattutto croniche, asma allergico cronico, diabete, emicrania con o senza aura, celiachia, problemi motori, etc. che non abbiano riconosciuta la legge 104 art.3, possono essere aiutati anche a scuola con un Programma Didattico Personalizzato come previsto dalla legge.

Questa possibilità ancora non è ben conosciuta da genitori, insegnanti e referenti scolastici per i BES.


MA COM'È UN P.D.P PER UNA MALATTIA FISICA?

E' un programma didattico che permetta al bambino o all'adolescente di apprendere i concetti, imparare i contenuti degli insegnamenti scolastici anche se ha delle difficoltà specifiche.

Un bambino diabetico ha bisogno di farsi l'insulina durante l'orario scolastico e quindi di assentarsi durante la lezione.

Un bambino o un adolescente depresso spesso è iperattivo ed ha bisogno di uscire più frequentemente dalla classe a differenza di altri bambini che non lo sono.

Un asmatico o allergico grave, a causa delle terapie con antistaminici potrebbe essere assonnato e poco reattivo in classe o talvolta addormentarsi; a causa dei cortisonici invece essere agitato e impulsivo.


COME SI ATTIVANO I B.E.S.?

I BES possono essere attivati anche dalla scuola.
In presenza di una certificazione specialistica, basta fare la richiesta alla scuola allegando la certificazione dello specialista che attesti la patologia dell'alunno e che dia indicazioni specifiche alla scuola sulla modalità in cui debbano essere fatti compiti in classe, verifiche, interrogazioni e compiti a casa. La scuola in base alla Circolare Ministeriale n.2563/13 è tenuta a redigerlo.


QUANTO TEMPO DURA UN P.D.P.?

Un Programma Didattico Personalizzato non è per sempre ma finché l'alunno ne ha bisogno, è infatti soggetto a continuo rinnovo.


COSA CAMBIA PER I GIORNI DI ASSENZA DA SCUOLA

Qualunque patologia fisica, anche non cronica, richiede che l'alunno si assenti da scuola per sottoporsi a controlli specialistici, visite mediche, accertamenti, etc.

Questo tipo di assenze accompagnate da un certificato medico o attestato dello specialista o della struttura sanitaria non rientrano nel computo delle assenze generali e non mettono a rischio di bocciatura per superamento delle assenze consentite, anche se giustificate dai genitori o dallo stesso alunno se maggiorenne.

Il P.D.P. come aiuto nella PREVENZIONE di patologie psicologiche reattive e secondarie.

Aiutare un bambino o un adolescente in difficoltà e con problemi di salute fisica, anche transitori, attraverso un programma Didattico Personalizzato aiuta nella prevenzione del sviluppo di disturbi e patologie psicologiche, soprattutto la depressione, che si possono manifestare già nei bambini ma che hanno un'impennata nell’adolescenza e se non intercettati per tempo, trascinarsi fino all'età adulta.

A parte i DSA proprio da queste patologie psicologiche secondarie a malattie fisiche, deriva una parte delle difficoltà scolastiche, con dispersione scolastica e abbandono degli studi


Adelia Lucattini




Articolo di Adelia Lucattini pubblicato su Blog Medici di MEDICITALIA (La Stampa) dal titolo
"B.E.S.(Bisogni Educativi Speciali) per malattie fisiche di bambini e adolescenti, non solo D.S.A"

Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!

Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.
Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione
Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi. Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza. E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.
Senza ripo…