Passa ai contenuti principali

GENITORI E SCUOLA. COME SI ATTIVANO B.E.S. QUANDO I FIGLI HANNO MALATTIE FISICHE?







CHE COSA SONO I B.E.S. SECONDO LA LEGGE 170 DEL 2010?


Per Bisogni Educativi Speciali non s'intendono le caratteristiche individuali di tutti i bambini e ragazzi per cui ognuno ha le sue peculiarità, specificità, carattere, etc., bensì Bisogni Educativi particolari legati a patologie o disturbi specifici transitori o cronici: psicologici (disturbo post-traumatico da stress, depressione, ansia, etc.), neuromotorie, respiratori (asma), gastrointestinali (celiachia), ecc.


I B.E.S. PER I D.S.A. ORMAI SONO A REGIME MA PER LE MALATTIE FISICHE?

La Legge 170/2010 per i Bisogni Educativi Speciali è ormai andata a regime in tutte le scuole, soprattutto per i Disturbi Specifici dell'Apprendimento (dislessia, disgrafia, disortografia, etc.).

La legge in realtà è più ampia e comprende anche patologie fisiche e psicologiche (ansia, depressione, attacchi di panico)

Bambini ma anche adolescenti che siano affetti da malattie sistemiche, soprattutto croniche, asma allergico cronico, diabete, emicrania con o senza aura, celiachia, problemi motori, etc. che non abbiano riconosciuta la legge 104 art.3, possono essere aiutati anche a scuola con un Programma Didattico Personalizzato come previsto dalla legge.

Questa possibilità ancora non è ben conosciuta da genitori, insegnanti e referenti scolastici per i BES.


MA COM'È UN P.D.P PER UNA MALATTIA FISICA?

E' un programma didattico che permetta al bambino o all'adolescente di apprendere i concetti, imparare i contenuti degli insegnamenti scolastici anche se ha delle difficoltà specifiche.

Un bambino diabetico ha bisogno di farsi l'insulina durante l'orario scolastico e quindi di assentarsi durante la lezione.

Un bambino o un adolescente depresso spesso è iperattivo ed ha bisogno di uscire più frequentemente dalla classe a differenza di altri bambini che non lo sono.

Un asmatico o allergico grave, a causa delle terapie con antistaminici potrebbe essere assonnato e poco reattivo in classe o talvolta addormentarsi; a causa dei cortisonici invece essere agitato e impulsivo.


COME SI ATTIVANO I B.E.S.?

I BES possono essere attivati anche dalla scuola.
In presenza di una certificazione specialistica, basta fare la richiesta alla scuola allegando la certificazione dello specialista che attesti la patologia dell'alunno e che dia indicazioni specifiche alla scuola sulla modalità in cui debbano essere fatti compiti in classe, verifiche, interrogazioni e compiti a casa. La scuola in base alla Circolare Ministeriale n.2563/13 è tenuta a redigerlo.


QUANTO TEMPO DURA UN P.D.P.?

Un Programma Didattico Personalizzato non è per sempre ma finché l'alunno ne ha bisogno, è infatti soggetto a continuo rinnovo.


COSA CAMBIA PER I GIORNI DI ASSENZA DA SCUOLA

Qualunque patologia fisica, anche non cronica, richiede che l'alunno si assenti da scuola per sottoporsi a controlli specialistici, visite mediche, accertamenti, etc.

Questo tipo di assenze accompagnate da un certificato medico o attestato dello specialista o della struttura sanitaria non rientrano nel computo delle assenze generali e non mettono a rischio di bocciatura per superamento delle assenze consentite, anche se giustificate dai genitori o dallo stesso alunno se maggiorenne.

Il P.D.P. come aiuto nella PREVENZIONE di patologie psicologiche reattive e secondarie.

Aiutare un bambino o un adolescente in difficoltà e con problemi di salute fisica, anche transitori, attraverso un programma Didattico Personalizzato aiuta nella prevenzione del sviluppo di disturbi e patologie psicologiche, soprattutto la depressione, che si possono manifestare già nei bambini ma che hanno un'impennata nell’adolescenza e se non intercettati per tempo, trascinarsi fino all'età adulta.

A parte i DSA proprio da queste patologie psicologiche secondarie a malattie fisiche, deriva una parte delle difficoltà scolastiche, con dispersione scolastica e abbandono degli studi


Adelia Lucattini




Articolo di Adelia Lucattini pubblicato su Blog Medici di MEDICITALIA (La Stampa) dal titolo
"B.E.S.(Bisogni Educativi Speciali) per malattie fisiche di bambini e adolescenti, non solo D.S.A"

Post popolari in questo blog

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

LEGGETE AI BAMBINI! SARANNO PIÙ INTELLIGENTI

Molti scrittori e ricercatori in ambito letterario parlano di “poetica della lettura” sottolineando quanto il leggere e quello che si legge, faccia “la differenza” nella vita delle persone, sia da bambini che da adolescenti che da adulti.
Recenti studi scientifici di neuro-psicobiologia, hanno evidenziato un benefico della lettura nella prevenzione il decadimento delle capacità cognitive negli anziani e in una certa misura sull’invecchiamento del cervello. A livello psicologico, indubbiamente la lettura aumenta la capacità di attenzione e concentrazione, rilassa, distrae, appassiona e migliora la vita, rendendo più felici. Ma in che modo la lettura influenza il cervello? Sarà proprio vero, come azzardano alcuni ricercatori, scienziati e letterati, che “un libro al giorno leva l’Alzheimer di torno?” E quanti lettori sono consapevoli o hanno mai pensato di aver usato libri per aumentare il loro Quoziente Intellettivo (QI)? E, nel complesso, la lettura rende davvero più intelligenti?
Riferendo…