Passa ai contenuti principali

MAMME A 50 ANNI: DONNE DI OGGI E MAMME FELICI


Secondo uno studio inglese le donne cinquantenni di oggi sono più felici di quando erano adolescenti.
Perché i figli piccoli e adolescenti aiutano a restare giovani ed ad essere più felici, scopriamolo insieme.
Una ricerca  su 1500 donne inglesi rivela che il 49% delle donne over 50 si dichiara più felice ora di quando aveva 20 anni. La parola d’ordine è “armonia” ma per conquistarla è necessario un percorso interiore preciso, talvolta impegnativo ma ricco di sorprese e novità

MAMMA E DONNA AL TRAGUARDO DEI PRIMI 50 ANNI

Quando arriva il temuto e "misterioso" giro di boa dei 50 anni, come accade puntualmente al compimento di ogni "decennio" di vita, è necessario un po' di coraggio, di spinta interiore verso il futuro, accompagnata da consapevolezza di se stesse alla base di una buona autostima, autoironia e l'intelligenza di capire che i 50 anni di oggi non sono affatto quelli dei 20 o 30 anni fa.
Queste qualità interiori fanno si che una donna di 50 anni sia intellettualmente irresistibile, attraente e, se lo desidera, sensuale.


MAMMA E DONNA "MANAGER" ANCHE DELLA CASA

Le donne cinquantenni di oggi conoscono bene il significato del termine “felicità”: se lavorano fuori casa, hanno un reddito proprio su cui contare, non lavorano per occuparsi della famiglia è sempre una scelta "consapevole" e se accaduto per le contingenze della crisi economica, sanno trovare rapidamente un nuovo ruolo, reinventarsi ed occuparsi della famiglia e dei figli con un piglio da "manager delle mura domestiche".


LO SPECCHIO  É SEMPRE UN GRANDE ALLEATO

Sono state le prime a vivere l’emancipazione femminile e a conquistare un ruolo sociale attivo e riconosciuto, hanno una vita piena di interessi e in più, godono di un ottimo rapporto con lo specchio, finalmente consapevoli che il fascino è qualcosa che non si compra né si plasma ma che, semplicemente, si possiede e si può mantenere con un minimo sforzo, a costo zero: dieta, sport moderato, vita sentimentale e sessuale attiva, ifigli piccoli che fungono da stimolo continuo al cambiamento e fonte di continue novità.


IN "ARMONIA" COL PROPRIO CORPO 

Uno studio della SDA Bocconi School of Management, ha mostrato che le donne "over 50" non sono mai state mai state così bene, rivelando chi sono le donne nel contesto sociale attuale, come vengono rappresentate nella pubblicità e dai media, quale è il loro ruolo nel contesto economico, quale la loro relazione con il proprio corpo.

Una partecipante allo studio ha dichiarato che a 50 anni una donna “fa errori sapendo di farli, è vittima di modelli sapendo di esserlo”. 

La parola d’ordine sembra dunque essere “armonia” ma conquistarla è un cammino faticoso, che passa attraverso la necessità di "piegare" con la disciplina un corpo ribelle allo standard ideale trasmesso da media e pubblicità. 

Per il 98% delle intervistate è infatti importante conservare una buona forma fisica 
per il 71% lo è “molto”,
Il 36% fa sport in modo continuativo,
Il 60%, controlla molto l’alimentazione,
L'86% dichiara che i segni del tempo non sono un problema perché "hanno imparato a conviverci",
l’11% è deciso a fare qualcosa per attenuarli, 
Il 23% è d'accordo con l’importanza di "dimostrare meno dei propri anni", 
L’80% è decisamente soddisfatto del proprio aspetto fisico,
l’86% del proprio viso.


I PUNTI CRITICI NON FANNO PIÚ PAURA

I punti critici del corpo, secondo le donne intervistate nella ricerca, sono quelli classici: pancia, fianchi, glutei, cosce, giro vita. Anche per chi da giovanissima aveva una silhouette perfetta, il rischio di ingrassare è in agguato, perché con la menopausa gli equilibri metabolici si modificano. 

I chili in più rimangono dunque la paura principale, contro la quale si combatte con diete, sport, creme.

Coco Chanel amava dire: “La natura ti dà la faccia che hai a 20 anni, è compito tuo meritarti quella che avrai a 50”!


MAMME GIOVANI E ATTIVE. QUANDO I FIGLI AIUTANO!

Finita da tempo l'esplorazione adolescenziale o la ricerca del partner, le mamme di 50 anni ormai hanno idee chiare sui propri desideri, sui propri gusti, sui propri bisogni.
Sono in grado di cercare con il partner o di chiedere al partner esattamente quello che desiderano, senza forzature e troppe ansie. 
Se non vi sono problemi di malattie fisiche importanti, la sessualità è vissuta liberamente, in un tempo dedicato, con piacere e serenità.

A questo si aggiunge una novità generazionale.
Le mamme cinquantenni di oggi hanno figli piccoli, anche molto piccoli e adolescenti.
I figli, presi per il verso giusto e grazie alla maturità e all'esperienza di vita dei cinquant'anni, sono una grande risorsa per i genitori e spesso un grande spasso!

II figli, nativi digitali,  aiutano molto le madri a mantenersi vivaci, in forma mentalmente, aggiornate e fisicamente attive vediamo come.


SEMPRE AGGIORNATI SULLE ULTIME NOVITÁ

1  -  I figli sono dei veri maestri nell'uso e nell'insegnare come sfruttare al meglio le potenzialità dei mezzi tecnologici, smartphones, computers sempre più sofisticati, apps

2 - I figli sono dei veri e propri "social managers" delle mamme aggiornano programmi, insegnano nuovi videogiochi, aggiornano su i vari photoshop, mantengono al passo coi tempi sulle ultime novità e "mode"

3 - Sempre "a la page", sono degli infaticabili "personal stylist", danno indicazioni su mode e tendenze per se stessi e per le madri, sono sempre molto critici ma sanno però anche indirizzare se ascoltati e presi sul serio

4 - Buoni consiglieri sulle novità cinematografiche e grandi esperti di "serie tv" di cui sono voraci fans e capaci di una vera e propria selezione.
Per mamma e papà scelgono solo il meglio, avvicinandoli così al loro mondo.


IN FORMA FISICAMENTE

1 - Amando poco fare le cose da soli, stimolano i genitori a fare sport con loro.
Gli adolescenti più dei bambini, ma i anche i piccoli amano seguire mamma e papà in bicicletta mentre questi corrono o passeggiano e adorano andare tutti insieme al parco a giocare o a fare gite e "circuiti" in bici

2 - Stimolano la mamma ad essere sana e bella, nessun figlio potrà mai vedere una madre "giovane" neppure se avesse 30 anni!
Sono orgogliosi poiché s'identificano con lei ed anche con il papà se questi hanno cura per la loro persona

3 - Sono spesso esperti "in teoria" di alimentazione e ascoltano i consigli dei genitori grazie ai programmi di educazione all'alimentazione presenti nelle scuole fin dalla materna.
Per questo sono contenti di partecipare a stili alimentari sani, sostanziosi e salutari, purché non si rinunci al gusto e alla tradizione e qualche volta non sia concessa qualche trasgressione

4 - Ci sono trasgressioni e trasgressioni
Trasgredire permette poi di scegliere la "retta via" e abitua alle trasgressioni "socialmente accettabili e codificate" distinguendo dalle trasgressioni nocive per la mente e la salute, come alcool e il suo uso in un età non consentita dal corpo e dalla gestione dell'emotività


PAROLE CHIAVE PER UN RAPPORTO SERENO

Non ci può essere infanzia senza cartoni animati e adolescenza senza burrasche e fantascienza, allora come avvicinare i figli, vera "miniera" d'oro di gioventù, allegria, novità, vivacità? Alcune semplici regole:

1 - Ascoltare
I figli voglio essere ascoltati, qualunque cosa raccontino, imparare ad ascoltare è la chiave di accesso al loro mondo interno, alle fantasie, ai desideri, alle lamentele, ai racconti fantastici della loro vita tutta da scoprire

2- Pazienza
Le tempistiche dei figli non sono quelle dei genitori.
É necessaria molta pazienza, ma poi i risultati arrivano e sono una grande gioia per la mamma e anche per il papà

3 - Tolleranza
Non è facile la contrattazione quotidiana su tutto, dai compiti, agli orari, agli impegni, alle festicciole, al cinema, alle richieste spesso ripetute all'infinito.
La tolleranza aiuta a orientare i figli e ai genitori ad essere più fermi nei loro no, più convinti nei si, più chiari nei perché degli uni e degli altri

4 - Fermezza ma mai durezza
Una presa una decisione, ragionata e spiegata, mantenete la postazione genitoriale, aiuta i figli ad avere le idee più chiare e si sentono guidati e protetti

5 - Riconoscere i meriti
Se i figli sono bravi, raggiungono i risultati buoni per loro e per i genitori, a scuola, nello sport, a casa, nelle amicizie, nella musica e in qualunque cosa facciano, anche la vittoria ad un campionato di videogiochi, va riconosciuto sempre .
La stima e il riconoscimento da parte dei genitori li rassicura e li sprona a fare meglio.

5 - Gratificarli per la loro esperienza in nuove tecnologie
Saper usane bene le nuove tecnologie, insieme ai genitori, è senz'altro una buona cosa, permette anche di evitare pericoli della rete e cadere nella dipendenza.
Insegnare ai genitori dà loro un ruolo e li aiuta a fare un uso responsabile dei mezzi tecnologici, dei social e di internet

6 - Ringraziarli
Ringraziare i figli per quello che fanno per la mamma e per il papà non solo è giusto ma è sempre molto educativo.
Educa al rispetto reciproco e alla gratitudine, quella trasmessa attraverso i fatti, attraverso parole che sono "azioni", come un "grazie" sincero

7 - Essere affettuosi
Manifestare l'affetto apertamente, visto quanto se ne riceve dai figli che lo elargiscono in modo del tutto spontaneo, li aiuta a sentirsi sicuri e amati.
la prodigalità nei "ti voglio bene", ne porterà altrettanti.


LA MATURITÁ AIUTA AD ESSERE FELICI

Ormai avere figli piccoli e adolescenti dopo i 50 anni è diventata una normalità, ciò non togli che i figli possano temere che i genitori invecchino, così come i genitori temano di non avere abbastanza energie per seguirli bene.

Se impariamo a considerare queste preoccupazioni normali, si attenueranno, rendendo le 
mamme cinquantenni, donne più felici. 

Adelia Lucattini



Intervista ad Adelia Lucattini della giornalista Sara Ficocelli
"La rivincita delle cinquantenni. Secondo uno studio sono più felici"
Repubblica.it  - Salute

Intervista ad Adelia Lucattini della giornalista Sara Ficocelli
"Innamorarsi dopo i 50 anni"
D-Repubblica.it 

Una donna.it











Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!

Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.
Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione
Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi. Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza. E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.
Senza ripo…