Passa ai contenuti principali

ADOLESCENTI: LA MEDICINA INTEGRATA UNA RISORSA CONTRO ANSIA E DEPRESSIONE

                                      

Vivere una pandemia è sfibrante per chiunque. La solitudine forzata, la paura per la propria salute e per il proprio lavoro, l’ansia per la vita dei propri cari. Per alcune fasce d’età, però, è peggio che per altre. E, in questa graduatoria, gli adolescenti sono tra quelli più colpiti. Personalità ancora in fieri, plasmabili, per le quali la socialità rappresenta una chiave di volta. Ma che purtroppo in questo periodo sono costrette a relazionarsi solo attraverso gli schermi gelidi dei monitor, che sia per una chiacchiera, un gioco o una lezione.


La medicina integrata può aiutare i ragazzi che hanno una depressione reattiva

Per alcuni ragazzi il momento è ancora difficile. Non è in nostro potere rassicurarli sul recupero del tempo perduto. Questo, però, non vuol dire che siamo disarmati. Le terapie integrative, in questi casi, possono essere un valido sostegno e aiutarli a uscire da situazioni che possono peggiorare giorno dopo giorno. Le terapie integrative sono una grande risorsa perché – escluse situazioni molto specifiche che hanno bisogno di trattamenti tradizionali – fitoterapici, nutraceutici, integratori, omeopatia, danno ottimi risultati nei disturbi reattivi. Ovvero ansia o depressione in reazione ad un evento, in questo caso la pandemia o i periodi di Dad.

 

Come intervenire sull’ansia e le sue conseguenze indirette

I primi sintomi da trattare attraverso questo approccio sono insonnia e ansia, che se lasciati incancrenirsi senza interventi decisi possono diventare insostenibili sul lungo periodo.

In questi casi sono molto utili i prodotti a base di magnesio, purché siano a dose terapeutica, con aggiunta di zinco, selenio e vitamine. Alcune di esse, il gruppo delle vitamine B compresa la vitamina  B12 sono importanti per il tono dell’umore. Un adolescente ansioso che non dorme avrà sicuramente anche un’alimentazione non equilibrata, sia in eccesso sia in difetto. Quindi poter utilizzare un buon prodotto di integrazione è molto efficace anche a controllare l’ansia.

 

Qualche suggerimento contro l’insonnia

Per intervenire sull’insonnia possono  essere utilizzati integratori a base di melissa, di semi d’uva, melatonina e di magnesio che favorisce il metabolismo cellulare. Mentre per i disturbi depressivi esistono molti fitoterapici che hanno azione diretta, utilizzati anche nella medicina convenzionale. I probiotici sono fondamentali per il tono dell’umore oltre che per le somatizzazioni. Questo perché la serotonina viene prodotta a livello intestinale ed è importante associare sempre uno o più probiotici che sono in grado di favorirne la produzione.

 

I farmaci naturali contribuiscono al miglioramento sintomatico

L’integrazione di farmaci naturali favorisce il miglioramento sintomatico e permette una modulazione della terapia classica in modo da raggiungere la dose minima efficace. In questo modo, utilizzando il farmaco tradizionale ove possibile alla dose minima efficace, se ne riducono in molti casi anche gli eventuali effetti collaterali.

L’emicrania, infine, come sintomo di accompagnamento alla depressione, può essere utile usare belladonna, chelidonium, calendula, griffonia anche in associazione a L-Triptofano, utilizzati con le dosi terapeutiche giuste. Anche le terapie omeopatiche all’interno di un corretto inquadramento diagnostico e su indicazione medica, possono esser di aiuto. 

Dunque, abbiamo a disposizione molti rimedi che permettono terapie molto personalizzate.



Fonte

“Psicanalista Lucattini: medicina integrata contro depressione nei ragazzi”
Su "Generiamo Salute"
Scritto dalla Redazione

Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

SEXTING E CYBER-SESSO. IL RISCHIO PER GLI ADOLESCENTI CORRE SULLA "RETE"

Stasko e Geller, ricercatrici dell'  American Psychological Association ,  hanno presentato i dati della loro ricerca da cui risulta che l’82% degli intervistati ha fatto  "sexting" almeno una volta nell’ultimo anno. Ma per gli adolescenti il rischio dipendenza è altissimo, con ricadute molto pericolose sul loro sviluppo psicofisico. COSA SONO IL “SEXING” E IL "CYBERSESSO" Si chiama “ sexting ” ed è un neologismo inglese, ormai adottato anche nella lingua italiana, che deriva dalla  fusione  delle parole “sex” (sesso)  e  “texting” (messaggiare/inviare sms) : significa  “inviare messaggi scritti o immagini con contenuti sessuali espliciti, attraverso  qualunque  dispositivo elettronico (devices)  ma principalmente col  telefonino” . Il “cibersesso” o  “ cybersesso ” , dall’ inglese: cybersex, definito anche  “sesso virtuale” , è un tipo di  attività sessuale, simulata o praticata,  a cui partecipano due o più persone collegate fra di loro  tra

COME PARLARE AI BAMBINI: LE CHIAVI DEL PARADISO

Imparare a parlare con i bambini non è intuitivo, però è semplice conoscendo come funziona la loro mente in crescita ed evoluzione. I bambini desiderano parlare ma soprattutto essere ascoltati. Instaurare il dialogo farsi ascoltare, seguire e rispettare non sarà così difficile! 1 - Evitare il “baby-talk” Evitare di parlare come imitando il parlare stridulo, alto e disarticolato dei bambini piccoli, questo può andar bene con i neonati, nei momenti di gioco, ma i bambini hanno bisogno d’imparare a parlare e in modo corretto, inoltre anche di saper distinguere bene il tono e il senso di quello che viene detto dalla mamma e dal papà. I fratellini poco più grandi possono anche farlo, senza esagerare, altrimenti potrebbe prendere una piega poi difficile da correggere: il “piccolino a vita”. Molto meglio usare il nostro normale timbro di voce e pronunciare le parole in modo corretto. I bambini capiscono fin dal primo giorno di vita e comunicano. I bambini nascono gi