Passa ai contenuti principali

COMPRENDERE I COMPORTAMENTI, INTENDERE I SEGNALI E COME PARLARE CON I FIGLI ADOLESCENTI


Le domande da porre e i comportamenti da osservare: due professionisti che i ragazzi li conoscono bene si interrogano sui segnali che i genitori dovrebbero imparare a cogliere.

Che i genitori lo vogliano o meno, tutti i figli diventano adolescenti. “È la natura: i cambiamenti sono inevitabili perché legati allo scatto puberale, è una questione ormonale”, spiega Adelia Lucattini, psichiatra e psicoanalista con studio a Roma. “Certo non è facile abituarsi al cambiamento ed è normale che generi un terremoto emotivo in madri e padri. La grande sfida è riuscire a controllare la trasformazione più comune alla paura, cioè la rabbia. Oppure il suo opposto, la paralisi mentale”. Ma se è vero che si tratta di un passaggio fisiologico, resta che i ragazzi si trovano ad affrontare una zona grigia in cui possono sorgere dei disturbi veri e propri, da qui la domanda: esistono dei campanelli di allarme che anticipano eventuali disagi? Insomma, i genitori possono armarsi di un decoder capace di captare i segnali di pericolo?

Che i genitori lo vogliano o meno, tutti i figli diventano adolescenti. “È la natura: i cambiamenti sono inevitabili perché legati allo scatto puberale, è una questione ormonale”, spiega Adelia Lucattini, psichiatra e psicoanalista con studio a Roma. “Certo non è facile abituarsi al cambiamento ed è normale che generi un terremoto emotivo in madri e padri. La grande sfida è riuscire a controllare la trasformazione più comune alla paura, cioè la rabbia. Oppure il suo opposto, la paralisi mentale”. Ma se è vero che si tratta di un passaggio fisiologico, resta che i ragazzi si trovano ad affrontare una zona grigia in cui possono sorgere dei disturbi veri e propri, da qui la domanda: esistono dei campanelli di allarme che anticipano eventuali disagi? Insomma, i genitori possono armarsi di un decoder capace di captare i segnali di pericolo?

 I sintomi da osservare

Partiamo dal presupposto che un adolescente si comporta necessariamente in modo strano. "Questo però non significa che sta succedendo qualcosa di negativo, semplicemente che i suoi pensieri sono attratti da affari privati di qualche natura, che non sempre è indispensabile indagare, magari relativi alla sua sfera emotiva", chiarisce Domenico Barrilà, psicoterapeuta e autore di numerosi saggi come Tutti Bulli e Noi restiamo insieme (Urrà, Feltrinelli). Lucattini parla di "depressività" come di un fenomeno che non deve allarmare. "È normale che un adolescente sia malinconico, si chiuda nella sua stanza, parli poco… quello che ci deve preoccupare è l’intensità e la durata di questi comportamenti. Se una ragazza ha una crisi di pianto prima di un’interrogazione, o fa una tragedia perché non è stata invitata a una festa non è di per sé preoccupante. Se invece il solo pensiero dell’interrogazione le crea un panico prolungato o non la fa dormire o smette di mangiare, allora è necessario porsi delle domande". Anche la vita sociale è un’importante cartina tornasole. "I timori e le insicurezze tendono a suggerire comportamenti astensionistici, cioè ci sono giovani che pensano che se non giocano non rischiano di perdere: è una forma di autotutela che però li danneggia", aggiunge Barrilà.

La scuola 

I brutti voti, invece, non sono necessariamente un sintomo di malessere. "Il rendimento scolastico può essere un indicatore solo quando vi è un calo improvviso e poco motivato. Ma in questi casi l’accento non va posto sulla pagella intesa come perdita di efficienza, ma sulle ragioni che portano un adolescente a trascurare i propri compiti sociali, danneggiando i propri interessi”. Quando si parla di performance poi, si rischia spesso di cadere in un conflitto di interessi perché il genitore è osservatore e osservato. “Gli adulti tendono a preoccuparsi della ricaduta sulla propria immagine, del giudizio che gli altri possono dare alle loro qualità genitoriali. Se poi parliamo di una persona incline a sentirsi un incapace, gli insuccessi del figlio non faranno che aumentare il suo malessere, ragione che andrà ad aggravare la pressione famigliare, dando inizio a un percorso di incomprensioni dal quale sarà difficile capire se il genitore cerca di proteggere il ragazzo oppure sedare le proprie ansie”. 

Osserviamo i nostri figli

“I figli vanno osservati e mai spiati”, continua rasserenante Barrilà. “Se si guardano bene si coglie in profondità il loro mondo interiore. Se invece il rapporto tende verso atteggiamenti polizieschi qualcosa non va, anche perché un ragazzo che scopre di essere spiato perderà la fiducia nel genitore per sempre”. Sembra scontato ma non lo è affatto. "Un giorno un mio paziente mi raccontò di essere tornato a casa da scuola molto nervoso perché aveva preso 3 in latino e la fidanzata lo aveva lasciato. Preso com’era dai suoi drammi aveva lasciato lo zaino sul divano e si era seduto a tavola con il broncio. La madre non si era neppure accorta dei suoi occhi rossi e gli aveva fatto una scenata per il disordine che aveva lasciato. Ecco, questo significa non vedere".

Le domande giuste da fare

Lucattini poi, è convinta che ci sia una domanda semplice ma fondamentale da porre ai figli, ma anche a sé stessi: perché ti comporti così? "Probabilmente i ragazzi non saranno in grado di rispondere ma il quesito avrà in ogni caso un risvolto benefico perché i figli si sentiranno pensati. Sentiranno che i genitori non vogliono solo educarli e controllarli, ma desiderano capirli e si sforzano per farlo, cercano di mettersi nei loro panni: i ragazzi hanno bisogno di sentire che gli adulti si interessano a loro, che li pensano con affetto e attenzione". E qui arriva la buona notizia: "Questo meccanismo vale fin dai primi anni di vita, ma non è mai troppo tardi per cominciare, perché i figli accolgono sempre le aperture e amano i loro genitori anche quando sono carenti".



Fonte 

Adolescenza: decodificare i segnali, comprendere i comportamenti e parlare con i figli

di Rita Balestriero

Su La repubblica - Moda e Beauty


Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

SEXTING E CYBER-SESSO. IL RISCHIO PER GLI ADOLESCENTI CORRE SULLA "RETE"

Stasko e Geller, ricercatrici dell'  American Psychological Association ,  hanno presentato i dati della loro ricerca da cui risulta che l’82% degli intervistati ha fatto  "sexting" almeno una volta nell’ultimo anno. Ma per gli adolescenti il rischio dipendenza è altissimo, con ricadute molto pericolose sul loro sviluppo psicofisico. COSA SONO IL “SEXING” E IL "CYBERSESSO" Si chiama “ sexting ” ed è un neologismo inglese, ormai adottato anche nella lingua italiana, che deriva dalla  fusione  delle parole “sex” (sesso)  e  “texting” (messaggiare/inviare sms) : significa  “inviare messaggi scritti o immagini con contenuti sessuali espliciti, attraverso  qualunque  dispositivo elettronico (devices)  ma principalmente col  telefonino” . Il “cibersesso” o  “ cybersesso ” , dall’ inglese: cybersex, definito anche  “sesso virtuale” , è un tipo di  attività sessuale, simulata o praticata,  a cui partecipano due o più persone collegate fra di loro  tra

COME PARLARE AI BAMBINI: LE CHIAVI DEL PARADISO

Imparare a parlare con i bambini non è intuitivo, però è semplice conoscendo come funziona la loro mente in crescita ed evoluzione. I bambini desiderano parlare ma soprattutto essere ascoltati. Instaurare il dialogo farsi ascoltare, seguire e rispettare non sarà così difficile! 1 - Evitare il “baby-talk” Evitare di parlare come imitando il parlare stridulo, alto e disarticolato dei bambini piccoli, questo può andar bene con i neonati, nei momenti di gioco, ma i bambini hanno bisogno d’imparare a parlare e in modo corretto, inoltre anche di saper distinguere bene il tono e il senso di quello che viene detto dalla mamma e dal papà. I fratellini poco più grandi possono anche farlo, senza esagerare, altrimenti potrebbe prendere una piega poi difficile da correggere: il “piccolino a vita”. Molto meglio usare il nostro normale timbro di voce e pronunciare le parole in modo corretto. I bambini capiscono fin dal primo giorno di vita e comunicano. I bambini nascono gi