Passa ai contenuti principali

L'ARTE COME TERAPIA NELLO STRESS POST-COVID


Musica, disegno e teatro possono aiutare a dissipare le emozioni negative legate all'isolamento da pandemia

Stanchi, appesantiti, svogliati. La pandemia, che sta facendo intravedere una luce in fondo al tunnel, ha minato le resistenza psicologica di molti. E ripartire appare faticoso. "Un aiuto per lasciarsi alle spalle questo periodo davvero difficile e ritrovare benessere può arrivare dall'arte, intesa come terapia - spiega la psichiatra e psicoanalista Adelia Lucattini -. Attraverso il disegno, la pittura, la musica, la danza, il teatro, la fotografia, si mettono in moto tutti e cinque i sensi e si attiva la memoria inconscia legata alle percezioni. L’arte attiva la fantasia, stimola le idee e aumenta la capacità di comprensione, rinforza e amplifica l’intelligenza e può essere di grande aiuto per elaborare i traumi”. Una consapevolezza raggiunta anche oltreoceano. “Non a caso l’Università di Harvard - sottolinea l'esperta - ha attivato il progetto Artful Thinking Palette, dove Artful significa artistico, geniale, abile e ingegnoso, che include arte e musica tra le materie universitarie poiché stimolano la memoria, aumentano la capacità di entrare in contatto con se stessi e migliorano le relazioni con gli altri. Le attività artistiche sviluppano il pensiero “divergente”, strettamente legato alla creatività, che permette di trovare più soluzioni a un problema. E in tempi di pandemia è d’obbligo scoprire, nutrire, esercitare la propria creatività e un pensiero “divergente” per far fronte alle difficoltà ed essere felici".

GLI STEP

Ma come è possibile stimolare e canalizzare la propria creatività verso una forma d'arte? "Esistono passaggi ben definiti - risponde Lucattini. Il primo è prendersi del tempo per pensare. Riflettere tranquillizza, appaga, scioglie l’ansia fino a regolarizzare il respiro. Secondo: vedere le situazioni cambiando prospettiva, come fossero una scultura e girargli intorno. Esercitare la fantasia permette di modificare il proprio punto di vista individuando soluzioni nuove e migliori. Terzo: farsi domande e cercare risposte, confrontandosi con persone che stimiamo e che ci vogliono bene. Quarto: imparare ad osservare, un’attività importantissima poiché porta a farsi domande, attivando il pensiero positivo".

A CIASCUNO LA SUA ARTE

Il disagio psichico può assumere molte forme, ci sono attività da prediligere in base alle singole difficoltà? “Chi è ansioso può dedicarsi al disegno – precisa la psichiatra -, con matite, acquarelli, pastelli e gessetti. Il gesto grafico, all'interno del perimetro definito dal foglio, contiene le emozioni, delimita uno spazio interno e dà forma a emozioni informi, colore a sentimenti che si sono sbiaditi, arginando quegli impulsi che rischierebbero di esplodere in modo conflittuale. Disegnare è un'ottima terapia a tutte le età. L'uso dei colori tenui, in particolare il verde, l'azzurro e il violetto, è tranquillizzante”. Chi invece dopo l'isolamento forzato ha maturato una certa difficoltà nel rientrare in contatto con il prossimo, trarrà beneficio dalla musica. “Imparare a suonare uno strumento o cantare in un coro – aggiunge Lucattini – aiuta a connettersi con aspetti profondi di se stessi all'interno di una relazione. Per chi si sente solo, andare a vedere una mostra con visite di gruppo favorisce il recupero , attraverso la condivisione di una stessa esperienza con altre persone , del proprio 'gruppo' interiore: le persone amate, gli amici, gli antichi amanti”. Siete stressati dal lavoro? Una soluzione per smaltire la tensione è plasmare la creta. “Il movimento delle mani - conferma l'esperta – pacifica perché ristabilisce un contatto profondo con la sensorialità della primissima infanzia e l'accudimento amoroso di mamma e papà”. Vi sentite depressi? Prenotate un'uscita al cinema o a teatro. “Assistere a spettacoli in ambienti silenziosi -conclude Lucattini - rilassa, diverte e funge da antidepressivo. La recitazione espressa da persone presenti nello stesso spazio fisico, permette una forte identificazione con l'artista (oltre il contenuto esplicito, della storia, delle parole o della narrazione), molto arricchente. Il cinema assorbe invece le tensioni e rivitalizza, stimola la fantasia e permette di sintonizzarsi nuovamente  con le emozioni sopite o accantonate durante questo periodo di limitazioni da pandemia.”


Fonte

Stress da post Covid, l'arte come terapia 

Di Loredana del Ninno 

Su Il Giorno

 

 


Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

SEXTING E CYBER-SESSO. IL RISCHIO PER GLI ADOLESCENTI CORRE SULLA "RETE"

Stasko e Geller, ricercatrici dell'  American Psychological Association ,  hanno presentato i dati della loro ricerca da cui risulta che l’82% degli intervistati ha fatto  "sexting" almeno una volta nell’ultimo anno. Ma per gli adolescenti il rischio dipendenza è altissimo, con ricadute molto pericolose sul loro sviluppo psicofisico. COSA SONO IL “SEXING” E IL "CYBERSESSO" Si chiama “ sexting ” ed è un neologismo inglese, ormai adottato anche nella lingua italiana, che deriva dalla  fusione  delle parole “sex” (sesso)  e  “texting” (messaggiare/inviare sms) : significa  “inviare messaggi scritti o immagini con contenuti sessuali espliciti, attraverso  qualunque  dispositivo elettronico (devices)  ma principalmente col  telefonino” . Il “cibersesso” o  “ cybersesso ” , dall’ inglese: cybersex, definito anche  “sesso virtuale” , è un tipo di  attività sessuale, simulata o praticata,  a cui partecipano due o più persone collegate fra di loro  tra

COME PARLARE AI BAMBINI: LE CHIAVI DEL PARADISO

Imparare a parlare con i bambini non è intuitivo, però è semplice conoscendo come funziona la loro mente in crescita ed evoluzione. I bambini desiderano parlare ma soprattutto essere ascoltati. Instaurare il dialogo farsi ascoltare, seguire e rispettare non sarà così difficile! 1 - Evitare il “baby-talk” Evitare di parlare come imitando il parlare stridulo, alto e disarticolato dei bambini piccoli, questo può andar bene con i neonati, nei momenti di gioco, ma i bambini hanno bisogno d’imparare a parlare e in modo corretto, inoltre anche di saper distinguere bene il tono e il senso di quello che viene detto dalla mamma e dal papà. I fratellini poco più grandi possono anche farlo, senza esagerare, altrimenti potrebbe prendere una piega poi difficile da correggere: il “piccolino a vita”. Molto meglio usare il nostro normale timbro di voce e pronunciare le parole in modo corretto. I bambini capiscono fin dal primo giorno di vita e comunicano. I bambini nascono gi