Passa ai contenuti principali

CYBERBULLISMO QUANDO INTERNET PUÒ ESSERE PERICOLOSO

Risultati immagini per pensee immagini


                                                      
Risultati immagini per cyberbullismo immagini




È stata approvata da poco dalla Camera dei Deputati la legge sul cyberbullismo. 
Il Cyberbullismo è un fenomeno tipico degli adolescenti.
Vediamo di cosa si tratta.


Il fenomeno del bullismo, ovvero il “comportamento da bullo, arrogante e sfrontato”, è inteso abitualmente come un atteggiamento di sopraffazione sui più deboli, per lo più con riferimento a violenze fisiche, e si riscontra in modo particolare in ambienti scolastici e giovanili. 

L’enciclopedia Treccani definisce e spiega in modo esemplare il concetto, precisando come col termine cyberbullismo si debba intendere il bullismo virtuale, compiuto mediante la rete telematica, tramite il web.

Nel giro di pochi anni il fenomeno si è fortemente ampliato e ha preso proporzioni tali da richiedere un intervento legislativo specifico (vedi Disegno di legge, 20/09/2016 n° 3139, "Disposizioni per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo"), così da arginare l’incessante e repentino reclutamento in rete di "bulli digitali" o cyberbulli.

Un elemento particolarmente dannoso del cyberbullismo consiste nell’effetto di amplificazione di episodi che nel bullismo abituale sono comunque autolimitati, dato che il gruppo di bulli non può essere più grande di tanto, a meno di non trovarsi in presenza di una gang giovanile, delinquenziale e con comportamenti antisociali. 


QUAL'E' LA PSICOLOGIA DEL BULLISMO?




Innanzitutto bisogna specificare che il termine bullismo è una traduzione adattata, in italiano, del termine inglese “bullying”, usato per definire dei comportamenti di prepotenza tra bambini adolescenti, mai tra gli adulti, la cui  caratteristica principale è la malversazione fisica o psicologica e i comportamenti aggressivi e negativi prolungati di una persona ma più spesso di un gruppo nei confronti di una o più vittime.

Non è secondario tenere presente che la parola, in inglese, deriva proprio da "bull", ovvero "toro", che ne rappresenta l'immagine irascibile istintiva, basata sulla forza, utilizzata per rappresentare l'aspetto violento e incontrollabile del comportamento agito dei bulli. 

Il termine bullismo è quindi nato nel tentativo di comprendere la psicologia dei bulli; negli ultimi anni sono state adottate strategie per aiutare le vittime, tenendo sempre presente che i bulli sono a loro volta ragazzi in difficoltà o con un forte disagio interiore o psicologico, solitamente essi stessi vittime da parte di ragazzi più grandi di violenze psicologiche e fisiche, anche all'interno della famiglia, e anche di quella allargata (non necessariamente solo da parte dei genitori).

Il bullismo, perché sia tale, deve implicare un avere propria persecuzione, con atti di prevaricazione frequenti e ripetuti nel tempo che causino nelle vittime sensazione di emozioni negative, soprattutto paura, insicurezza, disistima, preoccupazione e depressione.


PERCHÈ' NON SI PUÒ PARLARE DI BULLISMO NEGLI ADULTI?



Nel bullismo gioca un ruolo fondamentale il gruppo.
Il gruppo è un elemento tipico degli adolescenti e dell'età evolutiva che negli adulti sostanzialmente è stato sdoganato con la vita di coppia e familiare, e anche perché negli adolescenti il gruppo ha spesso una componente identitaria, anche se negativa, delinquenziale e prevaricatrice.



L'adulto si presuppone che ormai abbia un’identità definita e quindi, quando agisce dei comportamenti aggressivi, svalutanti, offensivi o denigratori nei confronti di un altro adulto, lo fa scientemente, sulla base di un sadismo che molto spesso negli adolescenti non c'è, e per questo lo stesso fenomeno negli adulti non può essere chiamato bullismo ma rientra nell’ambito dello "stalking".


FANTASIA E REALTÀ SONO SFUMATI NEGLI ADOLESCENTI


È importante specificare, inoltre, che nell'infanzia e nell'adolescenza il confine tra realtà e immaginazione, reale e virtuale, è sfumato
Talvolta gli adolescenti non si rendono conto quanto aggressioni via web possano colpire e ferire profondamente, esattamente come le percosse fisiche o le aggressioni di persona. 

Di questa confusione tra fantasia e realtà, tra immaginazione e verità, sono vittime sia i cyberbulli che le cybervittime

Gli adolescenti non si nascondono a differenza degli adulti, ma anzi "si mostrano" nel e sul web, navigandoci sopra e dentro, senza piena consapevolezza dei rischi e delle conseguenze, anche quando persecutori.

Nel bullismo non c'è mai un'intenzione di uccidere la vittima ma di prevaricarla allo scopo di dimostrare la propria supremazia e la propria superiorità, spesso traendone dei vantaggi secondari come denaro, merende, favori, così da avere una corte di servitori e schiavi assoggettati al proprio potere che però ha bisogno di essere consolidato dalla debolezza dell'altro.



UNA LEGGE SPECIFICA PER IL CYBERBULLISMO?


Se ci atteniamo alla psicologia sottesa ai due tipi di situazione e all'età, poiché il bullismo è tipico dei bambini e degli adolescenti mentre lo stalkimg è tipico degli adulti, la risposta non può che essere che sì, sia dal punto di vista normativo che delle risposte e dei provvedimenti sanitari da approntare nelle due situazioni, provvedimenti che dovrebbero essere differenziati, separati e, in definitiva, diversi e specifici.

Nel bullismo va data maggiore attenzione al disagio psicologico delle vittime e dei persecutori, alla regolamentazione del web, all'educazione alle nuove tecnologie, e va fatta menzione e sottolineato il lavoro egregio che la Polizia Postale sta facendo nelle scuole, dando informazione e formando bambini e adolescenti sull'utilizzo e sui rischi della rete.


Adelia Lucattini



Leggi l'articolo originale della giornalista e scrittrice Sara Ficocelli:
" Cyberbullismo e cyberstalking: che differenza c’è?"
Pubblicato su: La Nuova Ferrara.it-Benessere & Salute






Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!

Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.
Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione
Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi. Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza. E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.
Senza ripo…