Passa ai contenuti principali

IL POTERE DEL "PENSIERO POSITIVO": LA "BALENA ROSA" SFIDA IL WEB




Un nuovo positivo fenomeno si sta diffondendo a macchia d'olio sul web, con già centinaia di migliaia di Followers sui vari social.
Partita dal Brasile, si sta diffondendo una nuova e positiva "challenge", la "Balena Rosa" che sfida e cimenta i giovani nell'essere creativi e positivi con una serie di prove di crescente difficoltà. Perché le "sfide" devono avere un gradiente e perché ad essere positivi s'impara e non senza qualche difficoltà e ostacoli del tutto imprevisti.


EVITARE IL RISCHIO "EMULAZIONE"  E SOSTENERE LA DIPENDENZA

"Blue Whale" sembra diventata la "moda del momento" con un forte il rischio di creare il corto circuito del "fenomeno emulazione", come accaduto in passato quando i media informavano con dovizia di particolari, dei tentati suicidi o dei suicidi negli adolescenti, di cui da molto tempo fortunatamente sia per rispetto che per convenzione, non si parla più, proprio per scongiurare il rischio "emulazione".
L'eccessivo parlare e scrivere su tutti i media del fenomeno "Blue Whale", come sostenuto sia dagli psicoanalisti dell'età evolutiva che dai neuropsichiatri infantili, rischia di andare a sostenere e rinforzare i "circuiti della dipendenza", che trova negli adolescenti e nei pre-adolescenti (11-19 anni d'età) un terreno facile.


SULLE ONDE DEL WEB ARRIVA BRASILE "BALEIA ROSA", "LA BALENA FELICE"
 
Lo scorso aprile, è nata in Brasile la Challenge "Balena Felice", che mira alla felicità di coloro che decidono di seguire le regole.
Le regole sono articolate sempre in 50 giorni, ma hanno lo scopo di spingere i bambini e ragazzi ad amare il prossimo, a regalare sorrisi e ad avere più autostima.
Un graphic designer e un pubblicista hanno unito le forze per creare il ‘Pink Balena’ gioco Baleia Rosa’, il cui scopo consiste di salvare una vita.
Questa sfida si contrappone alla più nota "Blue Whale" ed ha proprio l'intenzione di contrastarla in modo positivo e costruttivo.

Il "Blue Whale", diventato "notizia" nelle ultime settimane, riassumendo è una sfida estrema su internet, che ha incuriosito e talvolta coinvolto bambini e adolescenti che possono partecipare inconsapevoli dei rischi e in vario grado, alla "sfida" (challenge) che si compone di 50 diversi compiti assegnati da un “curatore” per ogni giocatore. "Compiti" che vanno da svegliarsi nel cuore della notte, ad atti di autolesivi come il "cutting" (tagliarsi con oggetti affilati). I media riferiscono che se il partecipante non riescisse a completare un'attività, potrebbe essere addirittura minacciato/a da qualche anonimo curatore "da remoto".

Di tutto questo si occupa efficacemente la Polizia Postale con programmi di prevenzione e informazione.
 

DA LONDRA LA BALENA "PINKSIE" PREMIA LA "DIVERSITÀ"
 
Il ‘Pink Balena’ o gioco ‘Baleia Rosa’, prende spunto da un progetto chiamato 
"Pinksie the Whale" o semplicemnete "Pinksie", un progetto nato a Londra nel 2012con lo scopo di insegnare ai bambini a celebrare la diversità,ad essere fantasiosi, ad aiutare e curare gli altri.
 
Le attività di Pinksie sono ispirate dai libri di "Pinksie the Whale", una piccola e coraggiosa balena rosa che attraverso le sue avventure supera la paura di essere diversa.
Nel terzo libro della serie, "Pinksie the Whale. A third helping!", Pinksie intraprende un viaggio che la porterà, attraverso la scoperta delle abitudini culinarie di tanti paesi del mondo, ad affrontare temi importanti: il coraggio che serve per combattere e risolvere le difficoltà, la capacità di coltivare la fiducia in se stessi e nelle persone che stanno loro vicino, la condivisione dei problemi e delle gioie con amici, fratelli, sorelle, genitori.
 
"PINKSIE" NON E' "PINK WHALE"
 
Pinksie, a cui si sono ispirati i creativi brasiliani con la loro positiva "challenge" per bambini e adolescenti, non va però confusa con con "Pink Whale" che ha un altro significato.
In inglese "pink whale" è un modo idiomatico per indicare quando, a seguito del primo raporto sessuale, nella ragazza si produce un sanguinamento.
 

LA SALUTE DEI RAGAZZI VIAGGIA ANCHE SUL WEB
 
Il progetto educativo può essere visto come una forma di "prevenzione precoce", fatta attraverso un'educazione positiva alla colaborazione e condivisione, in un piccolo gruppo rivolto ai bambini, di valori e modalità d'interazione e apprendimento che costituiscono la base su cui poi, crescendo, potranno più facilmente apprendere il lavoro di gruppo avendo sempre però ferma la propria individualità e chiara la propria identità, che comprende le specificità di ognuno e le possibili diversità, viste come una "caratteristica" o un "valore aggiunto", non un problema.
 

LA "CHALLENGE" CHE INSEGNA L'INGLESE, IL FRANCESE, IL PORTOGHESE, ...
 
Il progetto si lentamente ampliando anche in altre lingue come lo spagnolo e l'inglese.
Essendo il contrario di ‘Blue Whale’, la "challenge" brasiliana non ha un curatore assegnato ma è aperta a tutti, ha molte sfide pensate per gli adolescenti che possono essere percepite come difficili, ma che non sono nocive, bensì aiutano a mettere in fuga le paure, cimentandosi nella "sfida" condivisa in rete e giocando con altri bambini e adolescenti.
Si può ipotizzare un'estensione ulteriore della la "challenge", che possa far appassionare bambini e adolescenti alle lingue straniere e possa essere usata per ampliare le modalità di apprendimento di nuove lingue sotto forma di "sfida" costruttiva e gioco creativo.

Adelia Lucattini


Articolo di Adelia Lucattini
"BALEIA rosa" versus "BLUE WHALE", La "BALENA FELICE" che aiuta bambini e adolescenti
Pubblicato su Medicitalia - La Stampa - Blog Medici




Post popolari in questo blog

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

LEGGETE AI BAMBINI! SARANNO PIÙ INTELLIGENTI

Molti scrittori e ricercatori in ambito letterario parlano di “poetica della lettura” sottolineando quanto il leggere e quello che si legge, faccia “la differenza” nella vita delle persone, sia da bambini che da adolescenti che da adulti.
Recenti studi scientifici di neuro-psicobiologia, hanno evidenziato un benefico della lettura nella prevenzione il decadimento delle capacità cognitive negli anziani e in una certa misura sull’invecchiamento del cervello. A livello psicologico, indubbiamente la lettura aumenta la capacità di attenzione e concentrazione, rilassa, distrae, appassiona e migliora la vita, rendendo più felici. Ma in che modo la lettura influenza il cervello? Sarà proprio vero, come azzardano alcuni ricercatori, scienziati e letterati, che “un libro al giorno leva l’Alzheimer di torno?” E quanti lettori sono consapevoli o hanno mai pensato di aver usato libri per aumentare il loro Quoziente Intellettivo (QI)? E, nel complesso, la lettura rende davvero più intelligenti?
Riferendo…