Passa ai contenuti principali

IL TRAINING AUTOGENO, UNA TERAPIA "NATURALE" PER TUTTA LA FAMIGLIA


Il Training Autogeno è un metodo di rilassamento semplice, rapida, facilmente accessibile al paziente di ogni età.


UNA TECNICA CONSOLIDATA

Ideato anni '30 dal neurologo e psichiatra tedesco J. H Schulz, basato su esercizi che permettono di raggiungere una condizione di rilassamento muscolare, emotivo e psicologico attraverso la "concentrazione passiva" e l'utilizzo di formule precise di auto suggestione. La parola training significa allenamento, si tratta infatti di ripetere con molta costanza, ed autodisciplina, per alcuni minuti al giorno una serie di gesti esercizi che vengono inizialmente insegnati da un professionista esperto nella tecnica, allo scopo di raggiungere un rilassamento autoindotto, da qui la definizione di autogeno.


DOVE E QUANDO SI PRATICA 

In genere si pratica stando distesi, su un divano, una poltrona, ma da alcuni atleti professionisti lo praticano direttamente sul campo di gioco o in palestra, ad esempio in pausa tra set e un altro si coprono la testa con un telo per potersi isolare qualche minuto e praticarlo.

Abitualmente, soprattutto nella fase di apprendimento è consigliato un ambiente tranquillo, possibilmente nella semioscurità o con luce tenue e rilassante.
Gli indumenti devono essere morbidi, non stringere altrimenti possono creare un disagio che non permette di rilassarsi e concentrarsi. Insomma bisogna sentirsi comodi.


COME SI SVOLGONO GLI ESERCIZI

Gli esercizi di training autogeno si dividono in fondamentali caratterizzati da auto-induzione di calma, sensazione progressiva di peso e di calore a braccia e gambe, con i quali già si raggiunge un buon rilassamento.

Ci sono poi gli esercizi complementari, che inducono un rilassamento ancora più profondo sono gli esercizi che riguardano il cuore, la respirazione e la fronte fresca, che vengono appresi in un secondo momento.

Una volta completato l'apprendimento la sua pratica è piuttosto semplice, si basa su pochi minuti del proprio tempo per ottenere uno stato di rilassamento completo, comunque pari a quello desiderato.


LA COSTANZA PREMIA

La ripetizione quotidiana degli esercizi è il fattore determinante nel periodo iniziale.
Per un buon apprendimento del treno autogeno  e nella pratica da effettuare seguendo le direttive indicate dallo specialista secondo la tecnica di Schulz.
Un buon apprendimento perché sia duraturo richiede mediamente sei mesi.


FATTORI FISICI SU CUI CUI SI BASA LA TECNICA

I fattori principali sono:

1- Il progressivo rilassamento muscolare in cui la persona si apprende la decontrazione muscolare volontaria con una presa di coscienza sia dello stato di contrazione del proprio muscolo che della sua distensione.

2- Una maggiore sensibilità alla propriocezione ovvero alla percezione del proprio corpo

3- Il controllo della respirazione.


LE BASI SCIENTIFICHE

La base scientifica è data dal presupposto che la respirazione e la tensione muscolare siano direttamente collegate, è noto infatti che uno stato di tensione emotiva o mentale tende ad alterare il ritmo e la profondità del respiro, con conseguente diminuzione dell'ossigenazione del sangue e di conseguenza anche dell'apparato muscolare.

La respirazione diaframmatica profonda ovvero addominale è un ottimo metodo per favorire l'ossigenazione e il rilassamento.
Questo tipo di respirazione, è un metodo di rilassamento naturale, ampiamente utilizzato anche dai cantanti e dai musicisti.

I bambini piccoli respirano naturalmente in questo modo ma con il passare degli anni e soprattutto nelle donne, probabilmente in relazione alla gravidanza, la respirazione tende a diventare di tipo toracico, più superficiale.


GLI AMBITI DI APPLICAZIONE

Oltre che in tutta la medicina psicosomatica, il trainng autogeno è impiegato nella medicina dello sport per il miglioramento della preparazione mentale degli atleti e anche per il trattamento dell'insonnia.

È particolarmente efficace nei pre- adolescenti e negli adolescenti in cui il trattamento farmacologico non è sempre indicato, fatta eccezione per fitofarmaci, farmaci biologici, integratori, omeopatia e melatonina.

La tecnica trova la sua principale applicazione nell'ambito delle somatizzazioni (disturbi organici che abbiano un'origine  prevalentemente mentale) e nei disturbi d'ansia.

Con una costante e metodiche esercitazione è possibile giungere al potenziamento delle porte capacità mentali, agendo a livello del subconscio. 

Ciò permette l'induzione un' autodistensione 
mentale a partire dal corpo.

La mente, in stato di relax, libera dall'ansia, è in grado di smorzare, risolvere, eliminare i sintomi disturbanti quali dolori muscolari, stati di tensione psicofisica, disturbi del sonno, disturbi funzionali dell'apparato gastroenterico ed altri


MOBILIZZARE LE ATTITUDINI PERSONALI

Attraverso il training autogeno è possibile mobilizzare quelle attitudini interiori che non riescono a realizzarsi spontaneamente attenuando in modo controllato e in sicurezza, resistenze disfunzionali che impediscono il ristabilirsi di equilibri funzionali armonici.

Il training autogeno, come tecnica di rilassamento può essere praticato parallelamente ad una psicoterapia analitica  o un'analisi, che permettono di lavorare sul proprio Io, di conoscere la propria mente affrontando i problemi alla loro origine.

Se ben gestito, il trainig autogeno può essere una buona "tecnica decondizionante" rispetto situazioni disfunzionali che abbiano assunto la forma del "riflesso condizionato", dell'automatismo, anche se presenti da tempo. 


IN COSA CONSISTE LA TECNICA

Dal punto di vista tecnico si tratta di esercizi semplici attraverso i quali è possibile agire sulla circolazione sanguigna e sul respiro. 

Lo specialista insegna la sequenza di esercizi al paziente in un numero prefissato di incontri, di solito 10, a cadenza settimanale tempo e già stabilizzate. 

Questo permette di realizzare dei successi terapeutici e comprovati da anni di esperienza clinica, agendo sul punto di contatto tra mente e corpo a partire da quest'ultimo. 

È una tecnica efficace e non invasiva da consigliare a tutti coloro che intendono aiutarsi affrontando in modo "naturale" i propri disturbi o anche potenziare le proprie capacità fisiche e mentali bloccate o rallentati da ansia e somatizzazioni. 

Un utilizzo ulteriore è dato dal trovare la concentrazione in breve tempo quando sia necessaria una prestazione sportiva, lavorativa, scolastica che potrebbero essere influenzate negativamente da ansia da prestazione o stress situazionale.


LE CONTROINDICAZIONI 

Unica indicazione assoluta è di sottoporvi sì sempre con la guida di uno specialista e dietro indicazione specifica per il disturbo presentato poiché esistono dei disturbi di personalità e alcuni disturbi dell'umore potrebbero essere una controindicazione poiché la rimozione del controllo razionale, potrebbe favorire lo scatenamento di una crisi o lo scivolamento in un disturbo.

Adelia Lucattini

Articolo di Adelia Lucattini Su QUI-ITALIA.IT
"Il training autogeno in psichiatria"

SIPSIeS.ORG


Post popolari in questo blog

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

LEGGETE AI BAMBINI! SARANNO PIÙ INTELLIGENTI

Molti scrittori e ricercatori in ambito letterario parlano di “poetica della lettura” sottolineando quanto il leggere e quello che si legge, faccia “la differenza” nella vita delle persone, sia da bambini che da adolescenti che da adulti.
Recenti studi scientifici di neuro-psicobiologia, hanno evidenziato un benefico della lettura nella prevenzione il decadimento delle capacità cognitive negli anziani e in una certa misura sull’invecchiamento del cervello. A livello psicologico, indubbiamente la lettura aumenta la capacità di attenzione e concentrazione, rilassa, distrae, appassiona e migliora la vita, rendendo più felici. Ma in che modo la lettura influenza il cervello? Sarà proprio vero, come azzardano alcuni ricercatori, scienziati e letterati, che “un libro al giorno leva l’Alzheimer di torno?” E quanti lettori sono consapevoli o hanno mai pensato di aver usato libri per aumentare il loro Quoziente Intellettivo (QI)? E, nel complesso, la lettura rende davvero più intelligenti?
Riferendo…