Passa ai contenuti principali

ESAMI CHE TERRORE...

Risultati immagini per panse fiore

Con l'arrivo all'università, organizzata in modo diverso rispetto alle scuole superiori, spesso
ragazzi si sentono disorientati e confusi, impiegano un po' di tempo a capire sia il funzionamento dei corsi che come preparare e sostenere gli esami.



La programmazione autonoma dello studio non sempre è oggetto d'insegnamento nel corso di studi precedenti, attraverso metodiche didattiche specifiche e finalizzate a questo.
Per indicarne alcune possibili: interrogazioni programmate, insegnamenti e verifiche "a progetto", "tesine" su argomenti specifici, 
Solo all'ultimo anno delle superiori in vista dell'esame di maturità è prevista la stesura di una tesina.


Arrivati all'università non è difficile sentirsi agitati, "indietro" rispetto ai compagni o "bloccati".
Impressioni e sensazioni che se non corrette possono in breve tempo portare a sentirsi "non all'altezza" e perfino incapaci, con grande disagio e sofferenza personale, non sempre comunicata nel tentativo di "farcela da soli" o per imbarazzo o per vergogna. 


Se la paura si trasforma in terrore, l'inibizione (blocco) aumenta ed è possibile iniziare a rimandare gli esami, anche se si è studiato e si è preparati. 
Può poi affacciarsi la paura di deludere o far dispiacere ai genitori con difficoltà a parlare con loro della nuova situazione.
Questo può innescare un  circolo vizioso che può portare a perdere fiducia nelle proprie capacità anche in studenti brillanti.

Il passaggio all’università è un momento complesso anche per il cambiamento di amicizie e di ambiente, sia per chi rimane nella propria città sia per chi deve spostarsi in un'altra.
Sono frequenti momenti di preoccupazione e di ansia, senso di solitudine e smarrimento. 


Il primo passo è essere consapevoli che è una situazione condivisa, anche se non comunicata, con tutte le altre "matricole", per ognuno o avrà sfumature e durata diverse, ma èuna sorta di "rito di passaggio" interiore, familiare, sociale ineludibile. Uno dei tanti.


Il secondo passo è parlarne con un amico o un'amica fidata, quindi con un adulto che ci sia passato e con i propri genitori. 

Quando l’emotività non gestita, l’ansia e i pensieri tristi cominciassero ad essere insistenti e quotidiani, potrebbero ad interferire  con lo studio che è il primo a risentirne.

In questo caso è importante potersi rivolgere a uno specialista, psicoterapeuta e psicoanalista
In alcuni casi non è escluso che possa essere necessaria anche una terapia farmacologica, ma sempre su indicazione e prescrizione dello psichiatra che poi potrà essere proseguita anche dal medico di famiglia.

Adelia Lucattini



Vai alla fonte
Il Tirreno - Benessere & Salute 

SIPSIeS.ORG

Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni.  In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla   Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech" ) è raccontata la storia del  Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e  in modo molto bello e chiaro, il   rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare . I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione , credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È

TEMPI DI CORONAVIRUS: I BAMBINI AMANO STARE A CASA!

Siamo tutti immersi e partecipi della più grande campagna di prevenzione mai messa in atto. Tutti a casa per non ammalarsi, per proteggere se stessi e i propri cari e per non infettarsi a vicenda. Perché prevenire è meglio che curare. Qualche sacrificio? Ne vale assolutamente la pena. Una buona notizia? Sta funzionando. Un'altra buona notizia?  Ai bambini piace stare a casa! I BAMBINI SONO COME GATTINI: AMANO LA LORO CASA I bambini fino agli 8-9 anni stanno bene a casa. La casa con i loro giochi, le loro camerette,  i loro spazi. Sono i veri "padroni di casa". Per loro la casa è un rifugio e un luogo sicuro, è il loro nido. In questo periodo di isolamento la casa è ancora di più l'unico posto in cui si sentono al riparo dai pericoli, in salvo, lontani da ogni minaccia grazie soprattutto alla presenza di mamma e/o di papà. SONO TEMPI ECCEZIONALI I bambini non hanno una percezione del tempo chiara e definita come gli adulti. Anche se le loro g