Passa ai contenuti principali

S.O.S. COMPITI ! NON SON PIGRO NE' SVOGLIATO...



Immagine correlataRisultati immagini per bambini studio scuola compiti




Negli ultimi anni, con una frequenza senza dubbio superiore rispetto al passato, si sente parlare di bambini e adolescenti con problemi di apprendimento, spesso riferiti in associazione a difficoltà di attenzione. Molti genitori ed insegnanti riferiscono di avere dei grossi problemi anche nella gestione comportamentale dei propri figli ed alunni.

       ‘…Sembra non sia minimamente interessato alla scuola..’ o ‘…non è mai attento tranne che per le cose che lo interessano…’ o ‘…è che è svogliato, pigro…’ sono le espressioni spesso utilizzate, in prima battuta, da genitori o insegnanti per descrivere l’atteggiamento a scuola di un bambino o adolescente. ‘…Quando si tratta di iniziare a studiare…ogni scusa è buona…’, o ‘…nei compiti è frettoloso ed impulsivo… per questo fa tanti errori…’, ‘A casa …devo stargli seduto vicino altrimenti non fa niente’: sono le frequenti espressioni riportate dal genitore nel descrivere cosa succede il pomeriggio rispetto ai compiti.

Le frasi riportate sopra, puramente a scopo esemplificativo, testimoniano come a volte possano essere formulate delle interpretazioni sul comportamento manifestato da un figlio o un alunno rispetto ai compiti e alle consegne scolastiche, senza lasciare spazio ad ipotesi e spiegazioni ulteriori.

I campanelli di allarme rispetto a difficoltà di apprendimento possono essere sia di tipo diretto, cioè immediatamente riconducibili a specifiche difficoltà nell’acquisizione delle abilità di lettura, scritture e/o calcolo, sia di tipo indiretto, cioè essere una manifestazione collaterale o secondaria alle difficoltà scolastiche, come ad esempio problemi di attenzione, oppositorietà, insicurezza. 

Ad esempio, spesso i bambini con difficoltà scolastiche possono avere, come manifestazione collaterale o secondaria, difficoltà nel mantenere l’attenzione su specifiche richieste connesse alle difficoltà di base e quella che apparentemente e globalmente viene considerata o letta come disattenzione, disinteresse o svogliatezza, è, al contrario, espressione della fatica e quindi stancabilità rispetto alla consegna didattica. 

Oppure possono sembrare oppositivi, impulsivi, a volte poco inclini a rispettare le regole: avere, quindi, un repertorio di manifestazioni comportamentali apparentemente e globalmente considerate o lette solo come inopportune e non come espressione di un disagio e sofferenza affidati all’agito anziché alla parola. Immaginiamo cosa posso succedere a scuola: a cascata, un po' come un gatto che si morde la coda, il bambino può venir rimproverato perché distratto, può rifiutarsi di fare i compiti, può cominciare a pensare di non essere bravo quanto i compagni. 

E a casa? Beh, è immaginabile che lo spazio del pomeriggio da dedicare allo studio rappresenti tutt’altro che una situazione tranquilla ed agevole, né per i figli né per i genitori: richiami continui da parte dei genitori sullo stare fermo al tavolo a studiare si possono alternare al continuo rimandare il momento ‘fatidico’ per iniziare i compiti o alla pluriframmentazione del pomeriggio tra cartoni, merenda ed uso del telefonino…. In un pomeriggio in cui ‘i compiti, se tutto va bene, si finiscono per ora di cena…già poi bisogna anche preparare la cena …..’

Può essere utile in tal senso tenere a mente che in età evolutiva gli aspetti cognitivi, emozionali e comportamentali sono strettamente e vicendevolmente interconnessi: quindi, una difficoltà in una dimensione coinvolge anche le altre.

È importante cercare di osservare il bambino nei vari contesti di vita senza formulare interpretazioni: l’osservazione dei quaderni di scuola e di casa, il comportamento declinato nelle varie situazioni e contesti fornisce elementi preziosi per orientarsi. Risulta quindi fondamentale un raccordo costante e continuo tra famiglia e scuola per condividere informazioni e quindi le scelte. 

La scuola deve mettere da subito in atto tutte le opportune strategie di rinforzo, recupero e potenziamento attraverso una didattica flessibile, personalizzata ed inclusiva, con modalità che risultano efficaci non solo per gli alunni con difficoltà, ma per tutta la classe.

Un approccio multimodale permette l’articolazione tra tipologie di interventi (didattico, psicologico, psicoeducativo), più figure professionali (neuropsichiatra infantile, psicoanalista infantile, terapisti, pedagogisti, insegnanti) e più livelli (alunno, famiglia, scuola, rete sociale).

Cosa può essere utile a casa nella gestione dei compiti: osservare cosa fa il bambino rispetto ai compiti (si alza di continuo, non sta mai fermo, fa tutt’altro); ripensare alle azioni che i genitori mettono in atto rispetto a questo comportamento e alle proprie reazioni (ad esempio, ci si arrabbia oppure si promette una ricompensa a compiti finiti o si passa tutto il pomeriggio seduti vicino al figlio) per valutare se e quali risultano efficaci nell’affrontare lo studio e quali addirittura controproducenti; pensare al luogo ove vengono svolti i compiti, perché deve trattarsi di uno spazio dedicato che predispone alla concentrazione; pianificare la successione dei compiti, ad esempio iniziando con le attività impegnative ma che il bambino può svolgere in autonomia e relativa supervisione, per poi passare ai compiti in cui necessita di maggiore supporto per concludere con attività più leggere. 

Pianificare lo spazio consente di creare un contesto prevedibile e quindi più rassicurante; pianificare le attività consente di imparare ad organizzarsi in funzione del tempo e degli obiettivi.

Ma basilare e preliminare è far saper al proprio figliolo che ‘…abbiamo capito che non lo fa apposta..’: riconoscere che ci possono essere delle difficoltà è il primo passo per conoscerle, trovare le opportune strategie, valorizzare le qualità individuali.


A cura di Anna Maria Angelilli
Neuropsichiatra Infantile




Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!

Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.
Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione
Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi. Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza. E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.
Senza ripo…