Passa ai contenuti principali

IL MIO BAMBINO ANCORA NON DORME DA SOLO!




Spesso i bambini in particolari periodi non riescono a dormire da soli anche se avevano già cominciato a farlo.

In vari momenti della loro vita di bambini e della vita familiare possono risentire dei cambiamenti che se anche sembrano accettarli bene, con l'aiuto dei genitori, di notte le ansie e le paure invece vengono fuori impedendo loro di dormire da soli, causando incubi con risveglio (pavor nocturnus).

I bambini risentono particolarmente di cambiamenti anche positivi come il trasloco in una nuova casa, il passaggio dalla scuola materna alle elementari che sancisce la loro la crescita e il raggiungimento di un obiettivo.

Ma anche difficoltà impreviste, un cambiamento lavorativo dei genitori, perdite di persone care, separazioni da amici cari di famiglia, la perdita di un animale domestico amato.

Di solito le difficoltà del sonno passano spontamenamente, 
Aiutano la lettura di una favola o di una filastrocca o il racconto di una storia al momento di andare a dormire, anche una storia di famiglia o di momenti speciali trascorsi insieme. 
Come una sorta di anticipazione dei sogni accompagnata dalla voce della mamma, del papà o dei nonni.

Può cullare il cantare una canzone che piaccia ai  genitori, non solo le preferite dei bambini! 
Della musica rilassante di sottofondo crea un ambiente riconciliante protettivo,  abitudine frequente nei primi anni di vita che può essere ripresa se non fosse stata mantenuta.

Anche tisane rilassanti o fitofarmaci, prescritti da uno specialista, possono aiiutare.

Se le difficoltà persistono da alcuni anni e/o ciclicamente si ripresentano, allora può essere opportuna una consultazione psicoanalitica del/della bambino/a e del nucleo familiare, per individuare la difficoltà causa del disagio e delle paure che si manifestano anche di notte.

La consultazione stessa, coi i suoi 3-5 incontri, permette di alleviare l'ansia, gestire e controllare le paure, alleggerire il carico emotivo della bambina e dei genitori.

Sarà poi l'analista infantile al termine della consultazione a fornire le indicazioni del caso, se sia necessario un trattamento individuale o meno, un sostegno ai genitori, un trattamento familiare.

A volte la stessa consultazione può permettere di sciogliere le difficoltà e in caso potrà essere fatta una nuova valutazione a distanza di tempo per verificare l'andamento.

Adelia Lucattini


Vai alla fonte
MedicItalia- La Stampa


SIPSIeS.ORG

Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

COME PARLARE AI BAMBINI: LE CHIAVI DEL PARADISO

Imparare a parlare con i bambini non è intuitivo, però è semplice conoscendo come funziona la loro mente in crescita ed evoluzione. I bambini desiderano parlare ma soprattutto essere ascoltati. Instaurare il dialogo farsi ascoltare, seguire e rispettare non sarà così difficile! 1 - Evitare il “baby-talk” Evitare di parlare come imitando il parlare stridulo, alto e disarticolato dei bambini piccoli, questo può andar bene con i neonati, nei momenti di gioco, ma i bambini hanno bisogno d’imparare a parlare e in modo corretto, inoltre anche di saper distinguere bene il tono e il senso di quello che viene detto dalla mamma e dal papà. I fratellini poco più grandi possono anche farlo, senza esagerare, altrimenti potrebbe prendere una piega poi difficile da correggere: il “piccolino a vita”. Molto meglio usare il nostro normale timbro di voce e pronunciare le parole in modo corretto. I bambini capiscono fin dal primo giorno di vita e comunicano. I bambini nascono gi

CHE COS’È VERAMENTE L’ADOLESCENZA?

L’adolescenza è un periodo di rapido sviluppo fisico e profondi cambiamenti emotivi, che sono fonte stupore e meraviglia ma anche confusione e disagio per i figli ed i genitor i. Dal punto di vista fisico L'adolescenza inizia con la pubertà purché questa avvenga a partire dagli 11 anni circa per le ragazze e dai 13 anni circa per i ragazzi. Con la pubertà avvengono grandi trasformazioni fisiche e sessuali.  Prima di questa età si parla di "pubertà precoce" ma psicologicamente l'adolescenza inizia sempre tra gli 11 e i 13 anni. Le trasformazioni del corpo includono: Per le ragazze: il ciclo mestruale, la crescita dei seni, della statura e dei peli pubici. Per i ragazzi: la voce diventa più profonda, la crescita di peli sul corpo e sul pube, peluria facciale, erezioni e polluzioni notturne. Gli ormoni responsabili di questi cambiamenti possono produrre periodi di malumore e inquietudine già da qualche anno prima che i segnali fisici che generalm