Passa ai contenuti principali

22 APRILE 2020. GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA. ALIMENTAZIONE CORRETTA E SPORT AIUTANO A CRESCERE PIÙ SANI

Risultati immagini per la pensée fleur





  


Da sempre cibo e sport vanno a braccetto e nei casi migliori “si sposano” contribuendo alcuna crescita sana ed equilibrata bambini e adolescenti.

  • Risultati immagini per giornata mondiale della terra


DAL BOOM DEGLI ANNI '80 A OGGI


In Italia seguendo un andamento che era iniziato a metà degli anni 80 con il boom del jogging, negli ultimi anni si è sempre di più manifestato il fenomeno delle ossessioni alimentari legate allo sport anche nei giovanissimi.

Il fenomeno inizialmente più frequente nei maschi si è allargato fino a coinvolgere sempre di più anche le donne, a partire dall'infanzia con la danza e le due esasperazione "di linea" e poi nell'adolescenza.


DIETA E ALLENAMENTO

Spesso si osserva che per riuscire a mantenere i ritmi di allenamento, gli sportivi dilettanti si sottopongono a delle diete "massacranti" sia in termini di qualità che di quantità dei cibi assunti,  in eccesso o in difetto.

Si osserva più spesso un'alimentazione "non adeguata" all’attività fisica che viene effettuata quotidianamente o più volte a settimana.
Uno dei problemi principali è costituito dalla carenza di nutrienti essenziali quali vitamine, sali minerali, proteine e carboidrati,  gli zuccheri semplici infatti, non sono sufficienti da soli per stare bene, vivere bene e mantenersi in salute.

Dati recenti hanno evidenziato che una parte degli adolescenti che praticano lo sport in modo eccessivo, spesso non hanno un’alimentazione idonea e presentano frequentemente dei loro coetanei, alcuni disturbi più o meno marcati della propria immagine corporea ovvero, quando si guardano, si vedono diversi da come sono in realtà, difficilmente "migliori", più spesso "da migliorare" o "modificare".


DISTURBI DELLA PERCEZIONE DEL PROPRIO CORPO

Parliamo di alcuni disturbi dell'immagine corporea.
Quando dieta e sport "si sposano" all'eccesso bisogna ipotizzare la presenza di una di una dismorfofobia ovvero vedere il proprio corpo allo specchio diverso rispetto a come è realmente.
Ai due estremi di trovano i disturbi dello spettro anoressico con perdita di peso e ricerca di una perfezione teorica che in natura non esiste e il mito della propria forma fisica, muscolare, il desiderio esasperato di avere un corpo scolpito all’inverosimile che prende il nome di vigoressia.

Queste sindromi del che riguardano un atteggiamento ossessivo per eccesso o per difetto rispetto al proprio aspetto fisico hanno moltissimi nomi, dalla sindrome di Highlander alla sindrome di Adone.

È particolarmente importante da aver presente che i disturbi dell'immagine corporea, si accompagnano molto spesso anche ad alcuni disturbi della sfera alimentare: in eccesso come introduzione di cibo ma anche l’uso di prodotti se non propriamente dopanti che in realtà non sarebbero essenziali per l’organismo, ad esempio preparati a base di aminoacidi ed integratori acquistabili anche su internet, senza il controllo medico.

Una volta accertato se l'atteggiamento nei confronti del corpo e dell’attività fisica sia o più o meno equilibrato, e negli adolescenti può essere osservato anche in famiglia, a scuola o dai preparatori atletici dei gruppi sportivi, è importante aiutarli ad orientare la propria alimentazione.


UN'ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA LA CHIAVE DEL "BUON SONNO"

Un’alimentazione equilibrata implica dei pasti regolari, tre al giorno colazione pranzo e cena, intervallati da due merende a metà mattinata e a metà pomeriggio.
Sono da evitare i famosi "spuntini di mezzanotte" o anche gli "spaghetti di mezzanotte" sia negli sportivi che nei non sportivi. Inoltre è importante non abusare di bevande gassate e dolci e con un alto tasso di coloranti e conservanti.
I risvegli notturni o l'attardarsi troppo spesso fino alle 3-4 del mattina con perdita di sonno, possono indurre una disregolazione del ritmo sonno-veglia e depressione o somatizzazioni da deprivazione prolungata di sonno o sonno cronicamente irregolare.


IN MEDIO STAT VIRTUS

E come sempre quindi "in medio stat virtus".
Un’alimentazione equilibrata richiede di poter fare attenzione a che gli alimenti siano il più possibile genuini, sani, di origine controllata, non tutti apprezzano il biologico ma questo non significa che anche nelle tra i cibi non-biologici non sia possibile selezionare dei cibi che abbiano un alto livello di nutrienti, un basso livello di conservanti e che possano essere consumati preferibilmente freschi o cucinati freschi e poi surgelati per poter essere poi consumati preferibilmente freschi o cucinati freschi e poi surgelati per poter essere poi consumati in un secondo momento.


MENS SANA IN CORPORE SANO

Una corretta alimentazione e una corretta attenzione al proprio corpo fin da bambini, è un modo importante anche per prendersi cura della propria mente, della propria salute e per favorire quella comunicazione tra mente e corpo uniti in tutt’uno nella personalità. 
Uno sviluppo equilibrato passa anche attraverso un’alimentazione consapevole e corretta che non venga accolta dai figli soltanto passivamente.
Una consuetudine ad un'alimentazione corretta fin da bambini e poi da adolescenti può diventare in modo naturale e progressivo nel tempo, accompagnando la crescita, anche oggetto di conoscenza, piacere e libera, consapevole "scelta".

Prendersi cura del proprio corpo attraverso una sana attività sportiva ed una scelta corretta dei cibi da assumere in orari scadenzati e regolari, è un modo naturale ed efficace per prendersi cura di se stessi fin da bambini.

Adelia Lucattini



Leggi anche della scrittrice e giornalista del Gruppo Espresso Sara Ficocelli
"Sport & Cibi se le ossessioni si sposano" pubblicato su Repubblica




Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

STUDIARE MUSICA RENDE PIÙ "INTELLIGENTI"? TUTTA LA VERITÀ

Gli studenti delle scuole superiori che seguono corsi di musica ottengono risultati significativamente migliori in matematica, scienze e inglese rispetto ai loro compagni che non studiano la musica.


Erroneamente ancora persiste la convinzione che gli studenti che dedicano tempo alla musica piuttosto che alla matematica, alla scienza e all'inglese, avranno prestazioni e risultati scolastiche inferiori, recenti studi scientifici invece dimostrano proprio il contrario.

Le ricerche
La ricerca condotta daPeter Gouzouasis e dal suo gruppo dell’University of British Columbia ha dimostrato che questa convinzione è sbagliata e ha scoperto che più gli studenti si impegnano con la musica, vanno meglio in matematica, scienze e inglese. Gli studenti che hanno imparato a suonare uno strumento musicale alle elementari e hanno continuato a suonare alle scuole superiori non solo hanno ottenuto voti significativamente più alti, ma alla distanza sono risultati in media circa un anno accademico avanti ri…