Passa ai contenuti principali

GENITORI E FIGLI "ALLEATI" NELLA SCELTA DELL'UNIVERSITÀ




Da un sondaggio del 2012 il 47% degli studenti italiani ammette di affidarsi, chiedere consiglio e aiuto ai genitori nella scelta dell'università, sia della Facoltà che della sede.
Uno studente su due, quindi, nella decisione si lascia affiancare, talvolta, "indirizzare" dai propri genitori.


Maria Montessori affermava che "La caratteristica peculiare dell'Università consiste nell'insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati bene nei percorsi della ricerca scientifica". 
Considerava quindi il percorso universitario più come una "scuola di vita" che soltanto come un iter necessario per la propria professionalizzazione in vista del lavoro.
Un'esperienza educativa, culturale e maturativa al tempo stesso.

Un sondaggio su 1500 studenti a cui è stati chiesto quali fossero i criteri alla base della scelta dell'ateneo più idoneo, gli studenti hanno risposto:

- Il 31% le proprie attitudini culturali
- Il 19% i risultati scolastici ottenuti al liceo
- Il 17% l'esempio di un familiare, un fratello o  uno zio
- Il 15% la logistica e il modus vivendi della città sede dell'università prescelta 
- L' 8% il valore del quadro docenti dell'università di destinazione
- Nel 5% dei casi la scelta sarebbe casuale, non pensata


I NEO-DIPLOMATI A CHI SI AFFIDANO PER LA SCELTA? 

Al primo posto, secondo lo studio, ci sono i genitori: 
- Il 47% degli studenti, uno su due, ammette  di voler decidere insieme a mamma e papà la soluzione migliore, influenzato anche dagli aspetti economici rilevanti in tempo di crisi.
- Il 23% gli amici, con i quali il confronto è serrato e approfondito.
- Il 21%  è influenzato dal fidanzato/a
- Il 5% si affida ai professori del liceo.


"PENSIERO COMUNE" E "MOTIVAZIONI CONDIVISE" TRA GENITORI E FIGLI

La famiglia è sempre stata un elemento fondamentale e determinante nel favorire le inclinazioni e/o indicare la strada professionale ai figli, a partire dall'orientamento negli studi. 

Oggi gli adolescenti si trovano a scegliere già al quarto anno di scuola superiore e chiedono consiglio ai genitori e alla famiglia (gli zii hanno spesso in questo un ruolo molto importante). 
Uno dei problemi principali che si trovano ad affrontare è la difficoltà ad immaginare che tipo di lavoro faranno, come sarà e dove.

La non conoscenza delle proprie reali inclinazioni, la diversità dello studio universitario da quello superiore e la distanza dal mondo del lavoro, in una società in rapida evoluzione come la nostra, è anche causa purtroppo dei molti "drop-out" ovvero abbandono degli studi, tra gli studenti universitari italiani.
Studi recenti hanno dimostrato l'importanza per gli adolescenti di sviluppare una sensibilità verso le proprie attitudini.

La famiglia ha quindi sempre un ruolo determinante nella scelta, in modo fisiologico e sano, grazie a processi psichici d'identificazione dei ragazzi con i genitori, talvolta anche inconsapevolmente inclini a soddisfare i desideri e le ambizioni dei familiari perché magari confusi o incerti rispetto ai propri desideri.
Capita anche che i ragazzi "sappiano" cosa fare e abbiano chiaro cosa desiderano studiare, diventare ed essere, grazie proprio al buon lavoro fatto dalla famiglia. 
In questo caso vanno senz'altro sostenuti e accompagnati, anche se la scelta è diversa da quella pensata o desiderata dai genitori per loro.


ASPETTATIVE DEI RAGAZZI SUL LAVORO DOPO LA LAUREA

Il 32% degli intervistati è ottimista 
Il 21% non crede, dopo il conseguimento del titolo, di poter trovare lavoro in Italia.
Il 15% ritiene di dover sostenere ulteriori specializzazioni,
Il 7% è dell'idea che dovrà seguire dei corsi di perfezionamento o master all'estero
Il 5%  teme di non riuscire a terminare gli studi


FATTORI ESTERNI ALLA FAMIGLIA CHE INFLUENZANO NELLA SCELTA DELLA FACOLTÀ

La ricerca ha inoltre indagato quali sono i fattori esterni alla famiglia e alle conoscenze che influenzano maggiormente la scelta della Facoltà

Il 21% degli studenti ha indicato nei social network e nella rete la propria miglior fonte di notizie e indicazioni universitarie
Il 19% la pubblicità
Il 16% la reputazione e notorietà dei Rettori e dei Docenti
Il 12% le strutture dei corsi e le tipologie di esami proposte


LE ASPETTATIVE DEI RAGAZZI SU UNIVERSITÀ E LAUREA

Il 31% ha risposto "un'opportunità di miglioramento economico"
Il 25% spera in una crescita culturale utile al lavoro
Il 13% considera questo percorso come un'opportunità di accrescere le proprie conoscenze personali
Il 9% un mezzo per aiutare economicamente la propria famiglia
L'8% sogna di conoscere, a lezione o in biblioteca, l'anima gemella!

Famiglia e amore sono da sempre i "collanti universali".


Adelia Lucattini


Articolo della scrittrice e giornalista Sara Ficocelli 
"Scelgo l'università con mamma e con papà"
Pubblicato su D-Repubblica.it - Famiglia





Post popolari in questo blog

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

LEGGETE AI BAMBINI! SARANNO PIÙ INTELLIGENTI

Molti scrittori e ricercatori in ambito letterario parlano di “poetica della lettura” sottolineando quanto il leggere e quello che si legge, faccia “la differenza” nella vita delle persone, sia da bambini che da adolescenti che da adulti.
Recenti studi scientifici di neuro-psicobiologia, hanno evidenziato un benefico della lettura nella prevenzione il decadimento delle capacità cognitive negli anziani e in una certa misura sull’invecchiamento del cervello. A livello psicologico, indubbiamente la lettura aumenta la capacità di attenzione e concentrazione, rilassa, distrae, appassiona e migliora la vita, rendendo più felici. Ma in che modo la lettura influenza il cervello? Sarà proprio vero, come azzardano alcuni ricercatori, scienziati e letterati, che “un libro al giorno leva l’Alzheimer di torno?” E quanti lettori sono consapevoli o hanno mai pensato di aver usato libri per aumentare il loro Quoziente Intellettivo (QI)? E, nel complesso, la lettura rende davvero più intelligenti?
Riferendo…