Passa ai contenuti principali

MIO FIGLIO VA MALE A SCUOLA. SCOPRIAMO PERCHÈ E COME FARE.







Tuo figlio va male a scuola: scopri perché

Svogliato, distratto, irrequieto, incapace di dedicare attenzione alle lezioni. 
Alcuni atteggiamenti del bambino in classe rivelano disturbi specifici che è meglio individuare il prima possibile, per aiutarlo a migliorare nello studio, nel rendimento (i voti), a crescere e relazionarsi meglio.


I CAMPANELLI D'ALLARME


È facile dire: "non va bene a scuola", meno intuitivo stabilire perché senza l'aiuto di insegnanti e specialisti.

Per iniziare a farlo, è necessario  cercare di cogliere campanelli di allarme, osservare i propri figli mentre studiano e fanno i compiti
Il nocciolo della questione sta nel non etichettare a priori una difficoltà nello studio, ma distinguere tra due tipi di problemi: disturbi della sfera emotiva e Disturbi Specifici dell’Apprendimento.



QUANTI SONO I BAMBINI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO?

I “Disturbi Specifici dell'Apprendimento” (DSA) colpiscono il 4% della popolazione, 1 alunno ogni 25, e nella maggior parte dei casi emergono fin dalla scuola Primari (le elementari)  mentre a livello di studi superiori si rilevano con maggior frequenza negli istituti tecnici. 
Sono riconosciuti dallo Stato (MIUR) e classificati in: Dislessia, Disortografia, Disgrafia, Discalculia. 

LA DISLESSIA

Nella Dislessia c'è una mancanza di automatismo nella lettura. Per studiare con successo è necessario saper leggere almeno tre sillabe al secondo (scu-o-la; a-ve-vo). Quasi sempre è associata a Disortografia, ovvero mancanza di automatismo nella scrittura, con errori di ortografia non gravi ma frequenti (scuola-squola, avevo-havevo).

LA DISGRAFIA


La Disgrafia invece è la difficoltà a riprodurre il disegno e e poiché in italiano il corsivo minuscolo è un disegno che prevede movimenti circolari del polso e una coordinazione neuromotoria, tra cervello, occhio, braccio polso e mano, la forma delle lettere è imprecisa o  il bambino è molto lento nello scrivere, avendo spesso una scrittura detta “a zampe di gallina”.
Il problema principale è la difficoltà o incapacità di prendere appunti.


LA DISCALCULIA

Se affetti da Discalculia, più rara, gli alunni hanno invece difficoltà a leggere e scrivere i numeri, specialmente a ritroso, e a fare calcoli anche molto semplici a mente.



LA DISPRASSIA

A questi si aggiungono altri disturbi come la Disprassia (carenza nella coordinazione motoria e della motricità fine con difficoltà ad esempio nell'usare il compasso

LA DISNOMIA

Disnomia  è un disturbo del linguaggio in cui vengono sbagliati i nomi, le concordanze maschile femminile e i tempi dei verbi


COSA FARÀ IL BAMBINO A SCUOLA

La maggior parte dei disturbi sono riconosciuti dal MIUR e sono facilmente diagnosticati dal neuropsichiatra e dal neuropsicologo infantile con test specifici.

Il neuropsichiatra infantile rilascia un certificato con la diagnosi e le indicazioni precise su come fare il Programma Didattico Personalizzato per il bambino.

Una volta consegnato in segreteria didattica della scuola, l'insegnante referente dei BES insieme al Collegio Docenti,  possono adottare tutte le misure dispensative (attività che il bambino non deve fare) e compensative (attività o strumenti che il bambino può usare ad. es. computer, tablet, calcolatrice, audiolibri, etc), tutte previste per legge con percorsi personalizzati per ogni bambino o ragazzo. 

I genitori hanno sgravi fiscali per l'acquisto di questi beni.

I "TUTORS"

In molti casi è previsto un Educatore Professionale a scuola, in alcuni casi anche a casa. a seconda della gravita del disturbo e delle possibilità degli Enti Locali, in particolare il Comune, della zona di residenza del bambino.

L'educatore o tutor ha una formazione che gli permette di aiutare il bambino a trovare modi e strategie per fare i compiti a casa e a scuola.

Un aiuto importante e un sollievo per i genitori che possono così godersi il tempo libero con i propri bambini senza dovere trascorrere tutti a sabati e le domeniche a fare i compiti!


Articolo di Adelia Lucattini
"Tuo figlio va male a scuola: copri perché"
Pubblicato su D-Repubblica  - Famiglia - Sui banchi



Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

CHE COS’È VERAMENTE L’ADOLESCENZA?

L’adolescenza è un periodo di rapido sviluppo fisico e profondi cambiamenti emotivi, che sono fonte stupore e meraviglia ma anche confusione e disagio per i figli ed i genitor i. Dal punto di vista fisico L'adolescenza inizia con la pubertà purché questa avvenga a partire dagli 11 anni circa per le ragazze e dai 13 anni circa per i ragazzi. Con la pubertà avvengono grandi trasformazioni fisiche e sessuali.  Prima di questa età si parla di "pubertà precoce" ma psicologicamente l'adolescenza inizia sempre tra gli 11 e i 13 anni. Le trasformazioni del corpo includono: Per le ragazze: il ciclo mestruale, la crescita dei seni, della statura e dei peli pubici. Per i ragazzi: la voce diventa più profonda, la crescita di peli sul corpo e sul pube, peluria facciale, erezioni e polluzioni notturne. Gli ormoni responsabili di questi cambiamenti possono produrre periodi di malumore e inquietudine già da qualche anno prima che i segnali fisici che generalm

STUDIARE MUSICA RENDE PIÙ "INTELLIGENTI"? TUTTA LA VERITÀ

Gli studenti delle scuole superiori che seguono corsi di musica ottengono risultati significativamente migliori in matematica, scienze e inglese rispetto ai loro compagni che non studiano la musica. Erroneamente ancora persiste la convinzione che gli studenti che dedicano tempo alla musica piuttosto che alla matematica, alla scienza e all'inglese, avranno prestazioni e risultati scolastiche inferiori, recenti studi scientifici invece dimostrano proprio il contrario. Le ricerche La ricerca condotta da Peter Gouzouasis e dal suo gruppo dell’University of British Columbia ha dimostrato che questa convinzione è sbagliata e ha scoperto che più gli studenti si impegnano con la musica, vanno meglio in matematica, scienze e inglese. Gli studenti che hanno imparato a suonare uno strumento musicale alle elementari e hanno continuato a suonare alle scuole superiori non solo hanno ottenuto voti significativamente più alti , ma alla distanza sono risultati in media circa un