Passa ai contenuti principali

LE 10 "PASSWORD" PER ENTRARE NEL CLIMA DELLE VACANZE




Risultati immagini per VIOLETTA DEL PENSIERO



È facile dire "sono in ferie" un po' meno esserlo davvero. Troppo spesso lo stress ci accompagna anche in villeggiatura.
Ecco alcuni consigli facilissimi da attuare per sintonizzarsi immediatamente con il nuovo ambiente e sentirsi al 100% in vacanza.


LE VACANZE: UN CONCENTRATO DI DESIDERI

Le vacanze sono tanto desiderate perché in un breve periodo si concentrano desideri e aspirazioni: il relax, il recupero della forma fisica, il divertimento, la ricarica emotiva e mentale, la guarigione da disturbi fisici, depurazione da stress lavorativo e familiare, il dedicarsi ai propri hobbies, il riposo, l'amore.


VALE PER CHI PARTE E PER CHI RESTA

Una volta scelta la vacanza in linea col bilancio familiare, come si fa a cambiare rapidamente registro "scrollandosi" di dosso lo stress accumulato? 
A emozionarsi o detendersi, a passare dalla pesantezza della vita quotidiana con i suoi pensieri e malumori, preoccupazioni e fatiche, a vivere pensando positivo e ottimizzando il tempo a disposizione? 
Sapendo che solitamente servono 24 ore per entrare nel registro delle vacanze meglio agire già prima di partire.

Ad esempio preparando i bagagli con almeno un giorno di anticipo in modo da non arrivare con il cardiopalma a notte fonda. 
E mentalmente non lasciando questioni pratiche o di lavoro in sospeso ma "chiudendo" anche solo col pensiero tutti i dossier aperti. 

Consigli semplici che possono essere adottati anche da chi non può partire fisicamente ma può ricreare un ambiente vacanziero nel quotidiano.


10 CONSIGLI PER ENTRARE PRIMA NEL "CLIMA VACANZIERO"


1- ABBANDONARE I BAGAGLI

Abbandonate il bagaglio senza curarvi di disfarlo e andate subito in perlustrazione del luogo dove vi trovate. 
Prendere confidenza con lo spazio fisico, permette di entrare nel registro psicologico della vacanza, anche i pensieri hanno bisogno di una loro ricollocazione, la vita di essere immaginata in un luogo diverso, altrimenti il corpo sarà in vacanza ma la mente ancora a casa con una spiacevole sensazione di disorientamento.


2 - DEDICARE SUBITO UN'ORA AL RELAX FISICO

Una doccia, un bagno, un sonnellino, una nuotata o una passeggiata per i più attivi. Prendersi cura del corpo è un vertice privilegiato per prendersi cura dei propri bisogni più profondi e rende le iniziative o incombenze successive meno faticose e più naturali.


3 - METTERE IL TELEFONO OFFLINE PER 45 MINUTI

Sarà un ottimo esercizio preparatorio per i giorni successivi. 
La vacanza è un momento di "separazione" desiderato ma potenzialmente destabilizzante, iniziarla con un gesto volontario ma breve di separazione dalla vita di tutti i giorni, abbassa la tensione, attenua la preoccupazione e fa sentire di poter controllare il distacco.

4 - I PRIMI DUE GIORNI METTERE LA SVEGLIA AD UN'ORA TARDA 

Pensare il vostro tempo scandito diversamente, come scelta, aiuta a recuperare più rapidamente i ritmi naturali.
L'ansia di dover riposare può rendere difficile dormire serenamente e a lungo.
Spostare la sveglia in avanti permette di organizzare inconsciamente il tempo, plasmarlo secondo le nuove necessità senza permettergli di sopraffarvi.


5 - NON AFFATICARSI CON INCOMBENZE PESANTI I PRIMI GIORNI 

La spesa, cucinare, le ultime email di lavoro o telefonate, i compiti dei figli. 
La tensione rallenta il vostro entrare nel clima vacanziero. È consigliabile avere pochi selezionati impegni, calibrati e ridotti all'essenziale
Ampliare il tempo mentale tonifica, rilassa, dà lucidità.
Avrete tutti i giorni successivi in cui diluire con calma quanto rimasto o necessario.


6 - INDOSSARE ABITI 'DA VACANZA', DIVERSI DA QUELLI QUOTIDIANI

Non serve un nuovo guardaroba, pochi capi 'connotati', magari colorati o divertenti o abbinati in modo originale, sono sufficienti a restituirvi un'immagine di voi adatta a una nuova esperienza che spezza con la routine.
Vedersi “differenti dal solito” aiuta a percepirsi in un'altra dimensione emotiva, a cambiare registro. È come rispecchiarsi con la mente in un'immagine anche fisica di se stessi mutata per una nuova situazione.


7 - ADOTTARE IL PROFUMO DELL'ESTATE

Ogni vacanza ha il suo profumo a seconda del posto e del periodo. 
Fiori, alberi, cespugli, resine, erbe officinali scandiscono i vari momenti. 
Se possibile usate nuove fragranze per creme e deodoranti, e profumate gli ambienti con essenze fresche e estive.
Attraverso l'olfatto si entra in contatto profondo con l'ambiente, attraverso una sensorialità immediata e primordiale, che risveglia affetti, emozioni e sensualità.


8 - SCEGLIERE E GUSTARE CIBI NUOVI E BEVANDE DIVERSE

Il gusto e l'olfatto hanno un intenso potere evocativo e connotano le situazioni di uno speciale significato emotivo, Stendhal lo ha descritto magistralmente in "alla ricerca del tempo perduto".
Nuovi sapori e aromi permettono di staccare immediatamente dal quotidiano e in ogni momento vi riporteranno alla situazione in cui li avete scoperti e assaporati la prima volta, fino a diventare un vero simbolo delle vacanze!


9 - ASCOLTARE LA COLONNA SONORA DELLE "VOSTRE" VACANZE

La musica colora affettivamente l'ambiente con melodie, parole e ritmi. 
Vi proietta immediatamente in un'altra dimensione, accompagna i giorni e le notti, rilassa, culla, conforta, rallegra e fa ballare il vostro tempo
Scegliete una playlist diversa dal solito e arricchitela con brani colti durante le vacanza: diventerà la vostra colonna sonora.


10 - DEDICARSI AD UN'ATTIVITÀ "INUSUALE"

Approfittando della nuova situazione, scegliere un’attività per voi insolita o abbandonata da tempo. Può essere un’attività domestica, sportiva, sociale, manuale o intellettuale, da svolgere da soli o in compagnia.
Dedicarsi ad un’attività inconsueta, anche recuperata dal proprio passato, mette in moto energie e attiva lati del carattere caduti “in letargo”.

Darete così una veste diversa e nuovi orizzonti alle esperienze attuali e alla vostra vacanza.


Adelia Lucattini


Articolo di Adelia Lucattini
"Come entrare nel clima delle vacanze"
Pubblicato su D-Repubblica - Benessere - Psicologia













Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!

Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.
Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione
Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi. Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza. E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.
Senza ripo…