Passa ai contenuti principali

LA SCUOLA È FINITA: INGLESE E GIOCO AL CENTRO ESTIVO!

Risultati immagini per LA PENSEE FLEUR
                                                 


Il centro estivo non deve essere vissuto dal bambino come imposto da un atto di potere, per non trasformarsi in un parcheggio che scatena il senso d'abbandono


IL "TIMING"

La scuola è finita e i bambini sono improvvisamente catapultati in un tempo "vuoto" dagli impegni (con piacere!) ma anche dalla "scansione temporale", il cossiddetto "timing", della scuola che con i suoi orari, ritmi, ripetitività scandisce il tempo reale e aiuta a formare il "tempo interno" nei bambini primi e negli adolescenti poi.

Anche ai genitori è richiesto uno sforzo organizzativo e di poter pensare qualcosa di buono ed efficace per i propri figli.


LA PROGRAMMAZIONE

Per i piccoli è spesso un passaggio "naturale" tra scuola e vacanza con i genitori o con i nonni, trascorrere una o più settimane in un "centro estivo". Ai genitori è richiesto tempo  e "pensiero" per poter scegliere quello giusto e per preparare i i figli al cambiamento, di ambiente e di "tempo".

Il primo passo è cominciare a parlarne per tempo dopo la fine della scuola un po' prima della fine della scuola, se non possibile, prima dell'inizio del centro estivo della scelta, della frequenza e della durata del centro estivo.

La programmazione e la possibilità di "prevedere" il proprio futuro nel breve-medio termine, per i bambini è molto rassicurante, li aiuta ad organizzarsi emotivamente e  razionalmente, e quindi anche ad organizzare il proprio tempo interno.


LE ATTITUDINI DEL BAMBINO

Il centro estivo che deve essere il più possibile confacente alle propensioni del bambino
I centri estivi che svolgono attività ludiche di gruppoartistiche, sportive possono costituire un'integrazione positiva rispetto alle attività scolastiche non praticate nel corso dell'anno.

Se i bimbi stanno seduti a svolgere attività didattiche non hanno la possibilità di staccare, di riposarsi e di giocare, arrivando al nuovo anno scolastico con un buon recupero psico-fisico dalle fatiche scolastiche dell'anno precedente.


LO SPORT

Sì alle attività sportive di gruppo ma no alle attività pre-agonistiche organizzate dai centri sportivi soprattutto nei bambini fino a 9-10 anni, poiché i bambini potrebbero essere un aggravio della fatica, anziché un momento di riposo e recupneero di energie.

I bambini sono felici di frequentare i centri estivi se c'è almeno un loro amichettoaltrimenti potrebbe essere difficile integrarsi in un gruppo nuovo. 

Vanno bene le attività che siano inclini alle loro attitudini. Inutile cercare di fargli imparare a giocare a tennis se gli piace il calcetto! 

Ideali i centri estivi organizzati all'aria aperta, dove i bambini imparano a vivono con il gruppo a contatto con la natura.


LE LINGUE

I centri estivi svolti in un'altra lingua, con tutors madrelingua, sono esperienze molto stimolanti per i bambini, arricchenti, utili, divertenti.

Sono occasione di apprendimento spontaneo tramite il gioco e memorizzazione di una nuova lingua facilitato dalla piacevolezza del contesto.

Anche in questo caso, poter avere almeno un amichetto, sarebbe consigliabile, per ridurre l'impatto ed entrare prima nel "mood" della nuova esperienza.

Adelia Lucattini


Intervista di Lau. Cau. ad Adelia Lucattini:
"Una bella esperienza se non è vissuta come imposizione"
Pubblicato su Il Tempo.it





Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

STUDIARE MUSICA RENDE PIÙ "INTELLIGENTI"? TUTTA LA VERITÀ

Gli studenti delle scuole superiori che seguono corsi di musica ottengono risultati significativamente migliori in matematica, scienze e inglese rispetto ai loro compagni che non studiano la musica.


Erroneamente ancora persiste la convinzione che gli studenti che dedicano tempo alla musica piuttosto che alla matematica, alla scienza e all'inglese, avranno prestazioni e risultati scolastiche inferiori, recenti studi scientifici invece dimostrano proprio il contrario.

Le ricerche
La ricerca condotta daPeter Gouzouasis e dal suo gruppo dell’University of British Columbia ha dimostrato che questa convinzione è sbagliata e ha scoperto che più gli studenti si impegnano con la musica, vanno meglio in matematica, scienze e inglese. Gli studenti che hanno imparato a suonare uno strumento musicale alle elementari e hanno continuato a suonare alle scuole superiori non solo hanno ottenuto voti significativamente più alti, ma alla distanza sono risultati in media circa un anno accademico avanti ri…