Passa ai contenuti principali

LA SCUOLA È FINITA: INGLESE E GIOCO AL CENTRO ESTIVO!

Risultati immagini per LA PENSEE FLEUR
                                                 


Il centro estivo non deve essere vissuto dal bambino come imposto da un atto di potere, per non trasformarsi in un parcheggio che scatena il senso d'abbandono


IL "TIMING"

La scuola è finita e i bambini sono improvvisamente catapultati in un tempo "vuoto" dagli impegni (con piacere!) ma anche dalla "scansione temporale", il cossiddetto "timing", della scuola che con i suoi orari, ritmi, ripetitività scandisce il tempo reale e aiuta a formare il "tempo interno" nei bambini primi e negli adolescenti poi.

Anche ai genitori è richiesto uno sforzo organizzativo e di poter pensare qualcosa di buono ed efficace per i propri figli.


LA PROGRAMMAZIONE

Per i piccoli è spesso un passaggio "naturale" tra scuola e vacanza con i genitori o con i nonni, trascorrere una o più settimane in un "centro estivo". Ai genitori è richiesto tempo  e "pensiero" per poter scegliere quello giusto e per preparare i i figli al cambiamento, di ambiente e di "tempo".

Il primo passo è cominciare a parlarne per tempo dopo la fine della scuola un po' prima della fine della scuola, se non possibile, prima dell'inizio del centro estivo della scelta, della frequenza e della durata del centro estivo.

La programmazione e la possibilità di "prevedere" il proprio futuro nel breve-medio termine, per i bambini è molto rassicurante, li aiuta ad organizzarsi emotivamente e  razionalmente, e quindi anche ad organizzare il proprio tempo interno.


LE ATTITUDINI DEL BAMBINO

Il centro estivo che deve essere il più possibile confacente alle propensioni del bambino
I centri estivi che svolgono attività ludiche di gruppoartistiche, sportive possono costituire un'integrazione positiva rispetto alle attività scolastiche non praticate nel corso dell'anno.

Se i bimbi stanno seduti a svolgere attività didattiche non hanno la possibilità di staccare, di riposarsi e di giocare, arrivando al nuovo anno scolastico con un buon recupero psico-fisico dalle fatiche scolastiche dell'anno precedente.


LO SPORT

Sì alle attività sportive di gruppo ma no alle attività pre-agonistiche organizzate dai centri sportivi soprattutto nei bambini fino a 9-10 anni, poiché i bambini potrebbero essere un aggravio della fatica, anziché un momento di riposo e recupneero di energie.

I bambini sono felici di frequentare i centri estivi se c'è almeno un loro amichettoaltrimenti potrebbe essere difficile integrarsi in un gruppo nuovo. 

Vanno bene le attività che siano inclini alle loro attitudini. Inutile cercare di fargli imparare a giocare a tennis se gli piace il calcetto! 

Ideali i centri estivi organizzati all'aria aperta, dove i bambini imparano a vivono con il gruppo a contatto con la natura.


LE LINGUE

I centri estivi svolti in un'altra lingua, con tutors madrelingua, sono esperienze molto stimolanti per i bambini, arricchenti, utili, divertenti.

Sono occasione di apprendimento spontaneo tramite il gioco e memorizzazione di una nuova lingua facilitato dalla piacevolezza del contesto.

Anche in questo caso, poter avere almeno un amichetto, sarebbe consigliabile, per ridurre l'impatto ed entrare prima nel "mood" della nuova esperienza.

Adelia Lucattini


Intervista di Lau. Cau. ad Adelia Lucattini:
"Una bella esperienza se non è vissuta come imposizione"
Pubblicato su Il Tempo.it





Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco . QUALI SPORT PER I BAMBINI  Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di

SEXTING E CYBER-SESSO. IL RISCHIO PER GLI ADOLESCENTI CORRE SULLA "RETE"

Stasko e Geller, ricercatrici dell'  American Psychological Association ,  hanno presentato i dati della loro ricerca da cui risulta che l’82% degli intervistati ha fatto  "sexting" almeno una volta nell’ultimo anno. Ma per gli adolescenti il rischio dipendenza è altissimo, con ricadute molto pericolose sul loro sviluppo psicofisico. COSA SONO IL “SEXING” E IL "CYBERSESSO" Si chiama “ sexting ” ed è un neologismo inglese, ormai adottato anche nella lingua italiana, che deriva dalla  fusione  delle parole “sex” (sesso)  e  “texting” (messaggiare/inviare sms) : significa  “inviare messaggi scritti o immagini con contenuti sessuali espliciti, attraverso  qualunque  dispositivo elettronico (devices)  ma principalmente col  telefonino” . Il “cibersesso” o  “ cybersesso ” , dall’ inglese: cybersex, definito anche  “sesso virtuale” , è un tipo di  attività sessuale, simulata o praticata,  a cui partecipano due o più persone collegate fra di loro  tra

CHE COS'È VERAMENTE LA "PANDEMIC FATIGUE?"

La "pandemic fatigue" è la stanchezza fisica e mentale dovuta allo stress da pandemia di Covid-19, che è così forte da sfinire e immobilizzare. L'assenza di energia. La pandemia ha toccato tutti e in un momento in cui ci viene chiesto di rinnovare attenzioni e cautele, senza certezze sulla fine di tutto questo, ecco che arriva un po' di apatia e demotivazione. Che è secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità è "una risposta prevedibile e naturale a uno stato di crisi prolungata della salute pubblica, soprattutto perché la gravità e la dimensione dell’epidemia da Covid-19 hanno richiesto un’implementazione di misure invasive con un impatto senza precedenti nel quotidiano di tutti" compreso di chi non è stato direttamente toccato dal virus. Con il rischio della perdita di fiducia nelle misure anti-Covid-19.I governi dovrebbero sforzarsi di comprendere di più i cittadini, per evitare di generare rabbia e frustrazione. E poi adottare misure semplici ma i