Passa ai contenuti principali

YOGA, PILATES, THAI-CHI: CURA PER ANSIA E DEPRESSIONE, DISCIPLINA E DIVERTIMENTO PER BAMBINI E ADOLESCENTI






Molte pratiche volte a garantire il benessere dell’individuo (ci sono anche Pilates, Tai-chi e Yoga) hanno ripercussioni importanti sia sulla mente sia sull’organismo. Queste discipline praticate dagli adulti, sono in realtà indicate anche per i bambini e per gli adolescenti.


SALUTE E CURA DI CORPO-MENTE IN OGNI STAGIONE

Salute mentale e cura del corpo, si sa, vanno di pari passo. Al punto che, certe volte, basta fare una passeggiata, o una corsa, o concedersi una nuotata o un’ora di palestra, per riprendere subito il contatto con la parte migliore di sé.

Non stupisce, dunque, che uno studio pubblicato sulla rivista “Sleep”, condotto da ricercatori dell’università della California, Usa, abbia rilevato come il Tai-Chi, arte marziale cinese che unisce movimenti lenti e meditazione, possa profondamente aiutare a guarire dall’insonnia.

Tutte queste attività possono essere praticate d'inverno al chiuso e d'estate all'aperto.
Le vacanze possono essere un'occasione d'oro per praticarle tutti insieme, genitori e figli, nonni e nipoti.
Ogni luogo può essere un buona "location", è importante non farsi sfuggire l'occasione!
In vacanza al mare, in montagna, in campagna, al lago, in riva ad un fiume, in giardino a casa propria o da amici e in città nei parchi pubblici, insomma in ogni luogo "salubre" che lo consenta!


LE “NOTTI BIANCHE” 

Chi per far fronte alle “notti in bianco” ha provate tutte le soluzioni possibili: l’antica abitudine mantrica di contare le pecorelle o recitare il rosario, gli estratti naturali (fitofarmaci), la melatonina, le gocce di “sonnifero” (benzodiazepine ansiolitiche o ipnoinducenti) da sciogliere nel bicchiere prima di coricarsi, potrebbe dunque non aver ancora sperimentato le cure che arrivano dall’Oriente che nelle nostre palestre e in centri dedicati, sono sempre più diffuse e praticate.


I ricercatori hanno preso in esame pazienti anziani con insonnia cronica, sottoponendoli a controlli sull’andamento del sonno per un periodo da sette a 12 mesi, e chiedendo loro di praticareregolarmente, al contempo, lezioni di Thai-Chi
I risultati si sono rivelati positivi sia dal punto di vista del miglioramento della qualità del sonno che della minor stanchezza durante il giorno.


ATTIVITÀ FISICA E PSICOTERAPIA VANNO A BRACCETTO

Un’attività fisica moderata, quotidiana e svolta in può essere di grande beneficio nel trattamento sia dell’insonnia che della depressione in persone di ogni età: talvolta questa pratica viene infatti associata a farmaci specifici e a una psicoterapia analitica o un’analisi, per cui non ci sono limiti "anagrafici".

Molte persone depresse o con ansia persistente, cioè che non dà loro tregua durante il giorno né tanto meno di notte, quando danno il via a una psicoterapia o a un’analisi iniziano al tempo stesso anche un ciclo di massaggi, seguono corsi di pilates o yoga o, semplicemente, fanno tranquille passeggiate, e non solo durante il fine settimana.


LE ESPERIENZE DEI PRIMI ANNI DI VITA 

Questi abbinamenti non sono casuali. Spesso, alla base di depressione e ansia, che possono coesistere creando situazioni di disagio personale molto serio, ci sono esperienze di perdita e separazione verificatesi nei primi anni di vita.

Iniziato il trattamento psicoterapeutico accade quindi di sentire la necessità di un accudimento fisico un po’ “materno” rappresentato dai massaggi, come un’antica memoria scritta nel corpo, un ricordo sensoriale che rievoca la dolcezza del bagnetto caldo, della copertina morbida, delle carezze della mamma o del papà.


GLI ANNI DELLA SCUOLA

Lo sport di gruppo non troppo aggressivo (pilates, tai-chi, yoga), praticati senza musica
assordante, rimanda invece a esperienze positive di attività di gruppo, sulla scia di quelle
sperimentate durante nei primissimi anni di scuola (nido, materna ed elementari).

Le cose piacevoli fatte durante l’adolescenza, lo “struscio” nel corso cittadino o le scampagnate con gli amici vengono inconsciamente rievocate, richiamate, dalle tranquille
passeggiate di cui si comincia a sentire il bisogno e poi il piacere. Tutto questo, messo insieme alla psicoterapia e, quando necessario, ai farmaci, crea un “circolo virtuoso” importantissimo ai fini del miglioramento e dell’auspicabile guarigione da ansia e depressione.


LA BASE NEUROPSICOBIOLOGICA

L’attività fisica, come la manipolazione corporea, non solo rilassa ma produce e libera endorfine, analgesici naturali che producono un effetto positivo anche sull’umore. 
Ma mentre un tempo si riteneva che queste attività “distogliessero” dal pensare o dal concentrarsi sui proprio problemi personali, oggi si tende a vederle con un elemento che agisce positivamente sul processo di cura e guarigione, a patto di non ritenerle un’alternativa o una sostituzione della cura stessa.

Prendersi cura del corpo mentre ci si occupa della propria mente permette di occuparsi “in toto” di se stessi. 
Non di rado le nuove attività fisiche diventano uno degli argomenti importanti anche della psicoterapia, perfetti per rievocare esperienze passate così da riviverle nel presente riconnettendole alla vita attuale, integrandole e guardando al futuro con fiducia.
Godendo, già qui e ora, di piccole, quotidiane, significative, incoraggianti soddisfazioni che vengono contemporaneamente affrontate, comprese, analizzate, "significate" con il proprio analista.


LO YOGA PER BAMBINI E ADOLESCENTI

Contrariamente a quanto spesso ritenuto, purché con la guida attenta di insegnanti esperti nella pratica dei bambini che hanno una struttura fisica e psicologica specifica, alcune pratiche orientali, come lo yoga, sono indicate nei bambini che apprendono, attraverso il gioco e il corpo, buone tecniche di respirazione ed una “disciplina” non coercitiva ma che viene con il tempo e con piacere “interiorizzata” fino a diventare “naturale”.

Negli adolescenti fisicamente post-puberi, le pratiche possono essere utili ausili, anche durante una psicoterapia o un’analisi, come tecniche di rilassamento, al tempo stesso, favoriscono l’apprendimento di una disciplina, imparando così a moderare gli eccessi e a conoscere e apprezzare il piacere di un buon equilibrio psico-fisico.

Adelia Lucattini


Intervista ad Adelia Lucattini della scrittrice e giornalista Sara Ficocelli
"Pilates, massaggi e passeggiate: ansia e depressione si curano anche così"
Pubblicato su Il Tirreno.it - Benessere & Salute - Italia Mondo











Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!

Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.
Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione
Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi. Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza. E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.
Senza ripo…