Passa ai contenuti principali

ESTATE IN ARRIVO! PAROLE D'ORDINE PER PARTIRE "LEGGERI" E GODERSI LE VACANZE




Risultati immagini per genitori bambini vacanze repubblica


Le vacanze si avvicinano, è necessario cambiare rapidamente registro, aprire il cassetto dei sogni estivi e prepararsi alla partenza che spezzerà la routine e ci concederà riposo e divertimento. Ma per riuscirci lasciamo a casa i pensieri e partiamo in versione "light"


Genitori e figli, bambini e adolescenti, stanchi di un intero anno di lavoro e di scuola, di compiti, studio, sport, musica e una fitta messe d'impegni "post-scolastici", sono arrivati "al via" delle tanto desiderate vacanze e di un meritato riposo.

Alcuni vacanze di scendere in spiaggia a godersi il mare in pieno relax o sdraiarsi davanti ad una piscina immersi nel verde della campagna o arrampicarsi in montagna e godersi il fresco delle alture.

Ma immediatamente il dubbio s'insinua: come lasciare a casa il bagaglio di pensieri di tutto un anno e partire leggeri, muniti solo di maschera e boccaglio, scarpette e cappellino, un libro e occhiali da sole? 

Ecco alcune parole d'ordine per aiutarsi a "staccare" e  godersi le prime vacanze.


1- NIENTE "SOSPESI"

Se hai commissioni da sbrigare, bollette da pagare, compiti da finire è bene liberarsene. Il pensiero di cose incompiute, si sedimenta nella mente e rimane come un pungolo che può impedire di rilassarsi.


2- MENTE "IN ORDINE"

La casa è anche una rappresentazione del nostro mondo interno. Ordinarla aiuta a riordinare i pensieri e a creare una cornice ideale in cui lasciarli per poi riprenderli al rientro, riposati e con maggiori energie. 
E creare un ambiente accogliente al ritorno ci permette di partire più sereni sapendo che al ritorno ci aspetta una casa accogliente.


3- PROGRAMMA "FLESSIBILE"

L'investimento emotivo sulla vacanza talvolta è così grande da non permettere la tolleranza di cambiamenti. Per partire sereni, è importante potersi immaginare in uno spazio dilatato, più ampio rispetto al proprio quotidiano che possa comprendere delle "variazioni sul tema". Aiutarsi con qualche capo di abbigliamento "da bosco e da riviera" può facilitare l'intraprendenza, il cambiamento.


4- "LINEE GUIDA" - VACANZE

La prevedibilità degli avvenimenti è un fattore determinante per sciogliere l'ansia e favorire il piacere dell'attesa. Importante è che il programma sia essenziale, in pochi punti: l'arrivo, la sistemazione, uno o due mete durante il soggiorno e la partenza. L'immaginazione permette di pregustare il momento che sarà e di lasciare a cuor leggero i pensieri a casa.


5- SOLO L' "ESSENZIALE"

La valigia contiene non solo indumenti e scarpe ma anche il bagaglio emotivo che portiamo da casa in vacanza. Fare una selezione, significa operare delle scelte, dopo una prima preparazione, lasciare la valigia decantare almeno un giorno, quindi rivederla e togliere le cose superflue. Il tempo per riprendere in mano le vostre cose, vi permetterà anche una cernita dei pesi interiori e dei pensieri ingombranti.


6- NON TUTTO SERVE

L'ansia da separazione fa sentire tutto importante e necessario. Il bisogno irrazionale di portarsi dietro "tutto il proprio mondo", ingombra la mente e rende le valigie stracolme. Concentrarsi su di se e considerare di aver bisogno di poco in vacanza, permette di lasciare dentro armadi e cassetti i pesi della vita quotidiana. E se proprio mancasse qualcosa, vivila come occasione per scoprire se puoi farne a meno o per concederti un acquisto mirato!


7- PREPARARE CON CALMA

Organizzare geometricamente il bagaglio rilassa e permette di rimodulare geometricamente i pensieri. Piegare gli abiti e allinearli ha una funzione anti-ansia e di contenimento delle emozioni negative. Mano a mano che le vostre cose si dispongono dentro borse, valigie, zaini, anche la vostra mente si prepara a giorni che verranno e che ad uno ad uno, usciranno dai vostri bagagli per essere vissuti, indossati, colti. Pronti per l'uso.


8- RELAX, NON FUGA

Non immaginarti come un fuggitivo, le idee di fuga aumentano l'ansia della partenza e le preoccupazioni per il rientro. Può essere utile mettere in valigia un buon libro, un block notes, fogli da disegno, matita e colori. Tenere un diario, anche fotografico, impegna, diverte, ferma momenti, sensazioni ed emozioni. Per i più indaffarati può essere l'occasione per dedicarsi alla scrittura o ad attività lasciate indietro durante l'inverno.


9- KEEP IN TOUCH

Non sempre il blackout tecnologico aiuta a rilassarsi e a stare bene. Immaginare di poter utilizzare il tempo a disposizione anche per scrivere o magari sentire amici persi di vista nel vortice dell'inverno, all'occasione inviarsi foto, riflessioni e perle di saggezza, può rendere la partenza più allettante e i preparativi meno noiosi e stancanti.


10- A OGNUNO IL SUO


In gruppo, con amici, con la famiglia, con bambini l'importante per immaginarsi proiettati nel divertimento e nel relax è definire i ruoli di ciascuno, se necessario suddividere i compiti. Le cose da fare sono faticose fisicamente e mentalmente se immaginiamo di dover fare tutto o quasi da soli. Dare a ognuno il suo pezzetto d'impegno, fa sentire sostenuti e partecipi dell'impresa. Chi viaggia da solo può ugualmente suddividere i "compiti" con se stesso dando tempi diversi a bisogni diversi: nuovi incontri, nuove mete o insospettabili sorprese.

Adelia Lucattini


Articolo di Adelia Lucattini
"10 consigli per partire leggeri" 
Pubblicato su D-Repubblica - Benessere - Psicologia


Fonte Foto D-Repubblica.it

Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

LA DISTRAZIONE NON È PIGRIZIA... È STANCHEZZA!

Parliamo della neuropsicobiologia della distrazione da stanchezza e come la psicoanalisi può aiutare a stare meglio.
Cosa dice la scienza sugli errori da distrazione
Un gruppo di ricercatori coordinati dal prof. Vladislav Vyazovskiy che insegna Psichiatria all’Università del Wisconsin, con sede nella città di Madison (USA), ha scoperto la causa degli errori di distrazione, che finora non avevano una spiegazione scientifica, ma erano attribuiti solo alla incapacità di concentrarsi. Essi sono causati da un momentaneo addormentamento di pochi gruppi di cellule cerebrali, che influenza pesantemente il nostro modo di agire anche se sembriamo svegli e vigili. Questa scoperta consente per la prima volta di comprendere che la distrazione è frutto dell’eccessiva stanchezza. E così piccolissime porzioni di cervello, a volte, si spengono, come accade ai computer o ai telefonini che, quando non sono utilizzati per un po’ di tempo, sospendono le loro funzioni e il loro schermo diventa nero.
Senza ripo…