Passa ai contenuti principali

RACCONTAMI UNA FIABA. PERCHÉ LE FIABE FANNO COSÌ BENE AI BAMBINI

Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi. (Gianni Rodari)
STORIE ANTICHE COME IL MONDO

Le fiabe sono state raccontate e raccontate per centinaia di anni. 
Solo Cenerentola ha una storia di 1000 anni con 700 versioni in tutto il mondo tra cui l'antico Egitto, Africa, Giappone e Asia. All'inizio, le fiabe non erano pensate per i bambini. 
I viaggiatori andavano di città in città e poi in tribunali reali fornendo notizie e intrattenimento a persone semplici e che non avevano potuto studiare, le fiabe venivano tramandate come racconti orali, non scritti.
Charles Perrault fu il primo a mettere le storie alla penna. Nel 1600 "La bella addormentata" e "Cenerentola" furono trascritti e rivisti per adattarsi alla sensibilità della Corte del Re Sole, in Francia. 
Nel 1812 i fratelli Grimm raccolsero storie da una vasta gamma di fonti e pubblicarono un libro come un'opera erudita non destinata ai bambini.


AIUTANO A CRESCERE

Le fiabe forniscono ai bambini un mezzo per lavorare sulle loro lotte interiori e trovare soluzioni. Le fiabe fanno eco allo sviluppo di un bambino e i bambini potrebbero volerle ascoltare più e più volte mentre crescono. 
Le fiabe hanno molti livelli di significato, i significati cambiano a seconda dell'età del bambino, delle sue fasi evolutive e delle sue diverse difficoltà. 
Un messaggio chiaro delle fiabe è che anche nella vita dei bambini e una lotta contro le difficoltà è inevitabile, ma se affrontate con coraggio, furbizia, intelligenza, anche se sempre con un po' di paura, anche difficoltà inaspettate e ostacoli apparentemente grandi, alla fine saranno superati.


SVILUPPANO L'INTELLIGENZA

1.    1- Aumentano l'immaginazione

     L'immaginazione di un bambino è una cosa potente e unica. Non è solo usata per inventare storie e giochi, è un fattore chiave per il pensiero e la creatività, e può orientare il tipo di istruzione, la futura carriera e vita presente.

    Con  l'immaginazione arriva anche altre culture: le fiabe includono spesso culture e modi diversi di fare le cose. Insegnano ai bambini le differenze nel mondo al di fuori dal loro ambiente, permettono di viaggiare con la fantasia, incuriosiscono e spingono, divertendo, a  ad imparare cose nuove, sperimentare nuovi ruoli, conoscere nuovi mondi.

2. Insegnano la differenza tra il bene e il male

Stare nelle fiabe con cavalli magici e delle scarpette di cristallo è una aiuta a interiorizzare un senso morale. È nel DNA delle fiaba avere una lezione morale forte: la lotta tra il bene e il male, l'amore e la separazione, il perdersi ed il ritrovarsi, l'amicizia e l'invidia, la generosità e la gelosia. Nelle fiabe sono presenti tutti i sentimenti umani, rappresentati ognuno da un personaggio. I protagonisti, di solito con l'aiuto di un adulto ma a volte anche di un altro bambino, troveranno sempre una soluzione e la strada per tornare a "casa", la casa fisica e la casa interna, il luogo dei sentimenti, della sicurezza e dell'amore.

Le fiabe aiutano a insegnare ai bambini la comprensione del bene e del male, non attraverso l'insegnamento diretto, ma attraverso l'identificazione, l’immedesimazione con i personaggi.
Le fiabe insegnano ai bambini che il bene trionferà sempre e, mentre questo potrebbe non essere vero negli aspetti del mondo reale, la lezione è semplice e importante: sii l'eroe, non il cattivo, impara a sperare prima e ad adoperarsi per il meglio poi.

3. Arricchiscono il pensiero

Le fiabe insegnano ai bambini il pensiero critico, mostrano le conseguenze delle decisioni dei personaggi e insegnano che ciò che accadrà loro dipende dalle scelte che fanno. Non tutti i personaggi possono essere un buon modello di comportamento, anche "i buoni" possono essere donzelle in difficoltà o principi spericolati. Ciò che le storie insegnano, però, è che quando accadono cose brutte, hai delle decisioni da prendere. Se fai la cosa giusta, tutto può andare a posto anche se dopo qualche tentativo.

4. Insegnano ai bambini come gestire le emozioni da soli

Non solo le fiabe preparano i nostri figli alla vita nella società e a prendono decisioni corrette ma insegnano loro come affrontare il conflitto in se stessi. 
Lo psicoanalista infantile Bruno Bettelheim, specializzato nell'importanza delle fiabe nell'infanzia, scriveva che le fiabe possono aiutare i bambini a gestire l'ansia che non sono ancora in grado di spiegarsi. 
Nelle fiabe i bambini sono spesso il personaggio principale e il più delle volte vinceranno contro il male della storia. I piccoli lettori possono identificarsi con il bene e trovare in se stessi l'eroe, il principe o la principessa.

5. Sono divertenti!

Le fiabe divertono, sono avventurose e piene di colpi di scena!
Comodi e cullati nel loro lettino i bambini possono immergersi nel mondo incantato delle fiabe e decollare per un altro mondo, un'altra dimensione in cui i draghi volano e i principi combattono, le fanciulle affrontano mille peripezie, cantano, ballano, vanno alle feste, viaggiano, esplorano il fondo del mare e le misteriose creature che vivono nelle fontane...

Leggere insieme, aiuta i vostri bambini a inventare i propri personaggi e li rassicura di poter vincere qualsiasi strega cattiva!

6. Trasmettono la buona educazione

Le fiabe infondono buoni comportamenti e buone maniere: quello i genitori non possono realizzare attraverso le sole imposizioni, può però essere insegnato e trasmesso attraverso i racconti. La "morale" che le storie insegnano rimane impressa nella memoria dei bambini e li fa riflettere sul loro comportamento, arricchisce il loro modo di pensare naturalmente, mentre crescono.

7. Aiutano ad affrontare le malattie
Quando i bambini sono ammalati, hanno l'influenza o il mal di pancia, o talvolta malattie più importanti, l'asma, la celiachia o una disabilità, vedere i loro eroi in difficoltà, soffrire anche, ma poi farcela, li fa sperare nel potercela fare anche loro e che sempre il dolore è sopportabile e i sacrifici sono ripagati da buoni risultati.

8. Permettono di affrontare le paure

Tutti i bambini hanno delle paure, del buio, della solitudine, di perdere i genitori, di andare a scuola, di addormentarsi, di essere abbandonati, dei mostri, degli animali... La carrellata è moto varia e lunga.
Anche i personaggi delle fiabe hanno paura o incontrano personaggi o animali che fanno paura ma poi riescono ad affrontarli e ricongiungersi con le persone che amano.
in questo i personaggi delle fiabe attraverso l'identificazione dei bambini con loro, permettono ai bambini di vivere le situazioni e con loro affrontarle uscendone vittoriosi.

9. Alleggeriscono dall'uso di smartphone e giochi elettronici

Anche bambini che già usano il cellulare o giochi elettronici fin da piccoli, traggono un grande beneficio dalle favole.
Il racconto fatto dai genitori, il suono stesso della loro voce,  li spinge ad immaginare anziché "vedere", che li allena ad ascoltare anziché a guardare, che allentano la tensione, sollevano dalla fatica della giornata.
I bambini hanno delle giornate intense e molto faticose, a volte la tensione, non permette loro di addormentarsi, per questo la voce calma, ritmica e cantilenante della mamma e del papà possono essere un vero balsamo per la mente e un luogo dove le emozioni e gli stimoli della giornata possono trovare una loro collocazione, uno spazio, così che il bambino si possa finalmente riposare.

10. Rende bravi a scuola


Leggere le favole ai propri figli li aiuta a migliorare la propria comprensione scritta, un’abilità fondamentale e collegata ad altre capacità come la gestione del linguaggio orale, come parlare durante verifiche e interrogazioni e poi in pubblico, induce il piacere della lettura e sviluppa il pensiero critico, cioè la capacità di riflettere e farsi delle domande. Aiuta ad andare bene a scuola.
Lo sviluppo della comprensione scritta è particolarmente importante perché fornisce ai bambini gli strumenti necessari per affrontare la vita scolastica con successo.

QUALI LIBRI SCEGLIERE?

Scegliere un libro di storie che ha molte grandi immagini, è sempre una buona idea un libro scelto dal bambino. Guardate le foto insieme mentre gli leggete la fiaba. 
Dedicate un tempo specifico a questa attività facendola diventare un appuntamento fisso, ogni giorno. 
Una storia della "buonanotte" crea un legame speciale tra genitori e figli. Se l'ora di andare a dormire non andasse bene, allora scegliete un'altro momento, quando voi e il vostro bambino siete a vostro rilassati, "comodi" e con meno distrazioni tipo TV o giochi elettronici.

I gusti dei bambini sono importanti

Scoprite cosa interessa di più al vostro bambino. Potrebbe essere una macchinina, come si cucina, un personaggio dei cartoni animati, un luogo in particolare o un piatto (primo, secondo, dolcetti, fritta, etc) o qualcos'altro. 
Potete iniziare a tessere una storia intorno al suo interesse aggiungendo dettagli ad essa. Crea una storia breve la prima volta, includendo gradualmente sempre più dettagli in base alla vostra fantasia e ai loro gusti.
La voce della mamma o del papà, fanno miracoli per un bambino e ascoltare le storie di mamma o di papà può intrecciare un legame "speciale" tra loro.

Scriveva Albert Einstein“Se vuoi che i tuoi figli siano intelligenti, leggi le fiabe: se vuoi che siano più intelligenti, leggi più fiabe". 


Adelia Lucattini



"Perché Storytelling è importante per i bambini in questo mondo digitale?"


Di Tharani Rahtnam

Vai alla fonte
"5 motivi per cui le fiabe fanno bene ai bambini"
Saoirse Docherty

Vai alla Fonte
"Il mondo incantato. Uso, importanza e significati psicoanalitici delle fiabe"
Bruno Bettelheim
(Feltrinelli Editore)

Fonte Foto
Huffingtonpost



Post popolari in questo blog

LO SPORT AGONISTICO FA BENE AI BAMBINI:POTENZIA IL TALENTO E ORGANIZZA IL TEMPO

Il 10% degli adulti svolge un’attività sportiva regolarmente mentre i bambini svolgono una pratica quasi quotidiana tra scuola, associazioni e società sportive.  Lo sport agonistico nelle prime fasi dell’età evolutiva (tra i 3 e i 18 anni) è ormai un fenomeno di massa, ma ci sono dei rischi?  Imporre modelli di prestazioni difficilmente raggiungibili espone a delusioni e mortificazioni, un indirizzamento corretto invece potenzia il talento personale e aiuta i bambini ad organizzare il loro tempo interno attraverso l'impegno che diventa piacere e gioco. QUALI SPORT PER I BAMBINI 
Dalla metà degli anni ‘90 la pratica di uno sport è stata inserita tra le attività quotidiana dei bambini, cui si offre oggi l’opportunità di avvicinarsi a molte discipline sportive diverse, dalle più popolari calcio, basket, pallavolo, nuoto, ad altre meno praticate come scherma, rugby, pattinaggio, arti marziali.  Conseguentemente è cresciuto anche l'interesse verso l'agonismo di massa, cui ci si avvi…

BALBUZIE? CONOSCERLA AFFRONTARLA E SUPERARLA

Molti bambini piccoli balbettano in un’età tra 2 e 5 anni. In molti casi, la balbuzie scompare da sola all'età di 5 anni. In alcuni bambini, dura più a lungo. Esistono trattamenti efficaci per aiutare i bambini a superarla Nel film "Il discorso del re" ("The King's Speech") è raccontata la storia del Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della Regina Elisabetta II) affetto da una grave balbuzie e in modo molto bello e chiaro, il  rapporto  con il suo logopedista Lionel Logue, che l'ebbe in cura e l’aiutò a superarla. Bruce Willis in alcune interviste ha parlato della sua esperienza di bambino e ragazzo balbuziente: "Quando ero bambino avevo un po' di difficoltà a parlare. I compagni mi prendevano in giro, e io non sapevo che fare. D’altra parte, starmi a sentire era un calvario. Poco dopo ho avuto la fortuna di iscrivermi a un corso di recitazione, credo fosse il primo anno di liceo. Il teatro mi ha aiutato tantissimo. È stato come un miracolo. O me…

STUDIARE MUSICA RENDE PIÙ "INTELLIGENTI"? TUTTA LA VERITÀ

Gli studenti delle scuole superiori che seguono corsi di musica ottengono risultati significativamente migliori in matematica, scienze e inglese rispetto ai loro compagni che non studiano la musica.


Erroneamente ancora persiste la convinzione che gli studenti che dedicano tempo alla musica piuttosto che alla matematica, alla scienza e all'inglese, avranno prestazioni e risultati scolastiche inferiori, recenti studi scientifici invece dimostrano proprio il contrario.

Le ricerche
La ricerca condotta daPeter Gouzouasis e dal suo gruppo dell’University of British Columbia ha dimostrato che questa convinzione è sbagliata e ha scoperto che più gli studenti si impegnano con la musica, vanno meglio in matematica, scienze e inglese. Gli studenti che hanno imparato a suonare uno strumento musicale alle elementari e hanno continuato a suonare alle scuole superiori non solo hanno ottenuto voti significativamente più alti, ma alla distanza sono risultati in media circa un anno accademico avanti ri…